Operazioni antidroga Costa Dorata e Giano News in Abruzzo: 15 arresti

Su richiesta di misura cautelare da parte del pubblico ministero della procura della Repubblica de L’Aquila, Antonietta Picardi, concessa dal giudice per le indagini preliminari, Giuseppe Romano Gargarella, la squadra mobile de L’Aquila ha eseguito nove arresti, cinque in carcere e quattro ai domiciliari, nell’ambito dell’operazione antidroga denominata ‘Costa Dorata’.

In carcere si trovano Vladimir Picaku, 29 anni, pregiudicato, nato in Albania e residente a L’Aquila; Kujtim Picaku, 27 anni, pregiudicato, nato in Albania e residente a L’Aquila; Ervis Braka, 28 anni, pregiudicato, nato in Albania e residente a L’Aquila; Naim Grabovaj, 24 anni, pregiudicato, nato in Albania e residente a L’Aquila; Edison Rrokaj, 26 anni, con precedenti di polizia, nato in Albania e residente a L’Aquila. Ai domiciliari ci sono Roberto Foschi, 58 anni, pregiudicato, residente a Teramo; M.B., 28 anni, incensurato, residente a L’Aquila; F.R., 34 anni, incensurato, residente a Teramo; A.O., 31 anni, incensurata, nata in Lettonia e residente a Teramo. Oltre ai reati di spaccio, dalle indagini è emerso che all’interno del night club ‘La bussola’ di Alba Adriatica, sequestrato, le donne destinate all’esercizio della prostituzione erano disposte a prestazioni sessuali in cambio di somme di denaro da 100 a 400 euro. Alle perquisizioni degli agenti della Mobile aquilana collaborano il commissariato di Avezzano e la Mobile di Teramo.

La squadra mobile di Chieti nella giornata di ieri e l’altro ieri ha eseguito 6 misure di custodia cautelari in carcere nonché due misure cautelari di sottoposizione agli obblighi di dimora, emesse dal GIP di Pescara dott. De Ninis, nell’ambito di una importante e complessa attività antidroga, iniziata nell’ottobre 2010 e conclusasi a marzo del 2011, effettuata dagli uomini della IV sez. antidroga e coordinata dalla Procura di Pescara. Cospicua anche la quantità di sostanza stupefacente sequestrata che a fine attività risulterà essere di:  gr. 300 di Cocaina; Kg 2,8 di Hashish; gr. 120 di Marjuana. Le misure cautelari sono state eseguite tra Roma, San Giovanni Teatino, Porto San Giorgio, Montesilvano e Spoltore con l’ausilio di personale appartenente alle Squadre Mobili di Roma, Ascoli e  Pescara.

Si è trattato di una intensa indagine nata dagli sviluppi dalla precedente attività denominata Giano News. Le investigazioni, supportate da attività di intercettazione telefonica e ambientale, hanno consentito di scoprire un intenso traffico di sostanze stupefacenti che si è sviluppato sull’asse L’Aquila-Chieti-Pescara, con alcune ramificazioni anche nel teramano, e di delinearne l’intera catena distributiva al cui vertice si troverebbe un insospettabile cittadino aquilano. Questi dopo aver beneficiato degli incentivi economici ed alloggiativi a causa del noto evento sismico del 6 aprile 2009 e aver stabilito la sua dimora a S. Giovanni Teatino, aveva intessuto in pochi mesi una vera e propria catena di spaccio relazionandosi sia con i suoi vecchi contatti aquilani e albanesi, sia aprendo nuovi canali  di rifornimento nella nuova zona in cui aveva trovato terreno fertile per i suoi traffici.

La scelta di un appartamento in Sambuceto, frazione di San Giovanni Teatino, in un quartiere signorile, si era rivelata una importante scelta strategica per la sua vicinanza con la città di Pescara in cui, notoriamente, vi è un’ampia richiesta di stupefacente trattandosi di un centro che è uno dei punti di riferimento del divertimento della costa adriatica nonché centro nevralgico dell’Abruzzo intero.

L’indagine ha dunque fatto luce su un’ampia rete inerente il traffico di sostanze stupefacenti capitanata dal suddetto personaggio ed ha rivelato ulteriori e gravissime responsabilità penali anche a carico di altri elementi, alcuni dei quali, legati vincoli di amicizia o comunque di stretta conoscenza per pregresse frequentazioni in virtù delle comuni origini con l’aquilano.  Oltre alle numerosissime conversazioni registrate ritenute utili ed i molteplici riscontri oggettivi ottenuti, di cui un’attività investigativa si è nutrita ”, è stata

Notevole importanza  hanno rivestito le indagini tecniche basate su linguaggio criptico che i decisivi riscontri effettuati da questo ufficio hanno consentito di decifrare. Le stesse hanno consentito infatti di acquisire inconfutabili elementi di prova a carico dei vari indagati e di contestualizzare e riscontrare i 7 arresti eseguiti in flagranza di reato ed i relativi sequestri di sostanza stupefacente operati a loro carico.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *