Pescara espugna Crotone ed è di nuovo capolista grazie al Cittadella

La partita s’annuncia come la si era descritta alla vigilia. I calabresi sono ben disposti in campo, decisi a non fare da comprimari. La classifica, d’altro canto, impone risultati positivi  e gli uomini di Drago non guardano al sottile. Il Pescara, però, è il Pescara e non rinuncia di certo ai suoi moduli. Ne guadagna il confronto, che propone alcune emozioni nelle battute iniziali . Fino a quando, al 30’, Immobile, ricevuta palla, scarica un forte tiro verso la porta che sembra battuta, ma la sfera finisce sul palo. Replica il Crotone sei minuti più tardi con un terra-area di Gabbionetta, indirizzato al set. Anania sii supera. I calabresi insistono e trovano il vantaggio con Florenzi al 43’, che servito da Gabionetta, mette in rete. Sulle ali dell’entusiasmo i padroni di casa imbastiscono un paio di azioni penetranti, e  creando qualche pericolo alla retroguardia biancazzurra. Soprattutto quando al 46’ Lodoviso, da 25 metri, con Anania fuori causa, coglie la traversa. Mancano occhi secondi alla fine del primo tempo e il Crotone allenta la pressione. Ne approfitta il Pescara, che imbastisce una veloce azione che manda all’aria i piani difensivi dei rossoneri. E’ Immobile di forza a farsi spazio in area, vincere un rimpallo su Tedeschi e a impallinare Belec.

Nell’intervallo il Pescara mette ordine alle proprie idee e si ripresenta in campo conn il piglio giusto. Lo fanno capire  Soddimo e Balzano, che vanno alla conclusione. La partita vive di qualche sussulto, ma non decolla. Il Crotone non sembra poter far male ai biancazzurri, che a tratti rallentano i ritmi, invitano i calabresi a spingersi in avanti e studiano il momento opportuno di accelerare con delle ripartenze. L’attesa viene premiata al 37’. Zanon chiude una veloce triangolazione con un cross per Cascione, che spicca il volo e va a raccogliere l’invito del compagno: la sua incornata è precisa e il 2 a 1 è cosa fatta. Un gol che zittisce lo Scida, mentre lancia il Pescara al primo posto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *