Maltempo, l’Abruzzo in difficoltà tra neve e ghiaccio

Il Comune dell’Aquila sta preparando una ordinanza per chiudere il centro storico in particolare per garantire l’incolumità delle persone alla luce dei puntellamenti e degli interventi di messa in sicurezza delle numerosissime opere pubbliche e private pericolanti. I tecnici sono preoccupati soprattutto dalla pesantezza della neve sia in riferimento ai tetti, sia in riferimento alle infiltrazioni nei materiali utilizzati per i puntellamenti quali in particolare il legno. Nel centro storico ci sono più di 50 centimetri di neve e continua a nevicare copiosamente.

La Protezione Civile, in accordo con la Regione Abruzzo, sta allestendo delle cucine da campo negli spazi in cui ci sono veicoli in panne. Agli automobilisti in difficoltà verranno offerte bevande calde e, grazie all’utilizzo di mezzi idonei, tutti coloro che si troveranno in situazioni di criticità, saranno accompagnati nelle proprie abitazioni.

Sull’autostrada A24 Roma-l’Aquila-Teramo un distacco di neve all’uscita di una galleria al chilometro 64 dell’ha provocato la chiusura del tunnel ma nessun ferito. La polizia stradale comunica che per chi viaggia in direzione dell’Aquila l’uscita obbligatoria è Carsoli mentre la galleria è percorribile verso Roma anche se si registrano difficoltà per il traffico all’altezza di Torano. Sull’A24 nevica ininterrottamente da ieri sera. Non possono transitare i tir, così come sulla A14.

Intervento congiunto questo pomeriggio della Protezione civile e dei medici del 118 di Vasto per poter prestare assistenza a una bimba di tre mesi con la febbre a 40 gradi. La piccola abita in un casolare in campagna, distante circa un chilometro dalla strada provinciale che collega Vasto a San Salvo. Strada interamente invasa dalla neve a tal punto da non consentire l’arrivo dell’ambulanza dell’ospedale San Pio da Pietrelcina. Solo con l’aiuto dei volontari della Protezione civile, che hanno dovuto spalare la neve, si è potuto raggiungere la piccola la quale è stata visitata e curata dai medici.

A Vasto, invece, è caduto un pino secolare su tre auto in sosta, a causa del peso della neve. È avvenuto in via delle Gardenie. I vigili del fuoco sono intervenuti per tagliare tronco e rami e liberare i mezzi fortunatamente vuoti.

La percorribilità delle strade è difficoltosa, soprattutto nei centri in quota del Sangro e del Vastese. In particolare a Castiglione Messer Marino e a Schiavi di Abruzzo la coltre bianca ha raggiunto il metro di neve, regolarmente in azione mezzi spazzaneve. Al momento non si segnalano particolari disagi o richieste di intervento alle unità di Protezione civile sparse sul territorio, che erano già in stato d’allerta meteo diramato dalla Prefettura di Chieti. Diverse le chiamare al centralino dei vigili del fuoco di Vasto per chiedere informazioni sulla viabilità e per la cadute di rami spezzati che intralciano il transito su alcune arterie cittadine. In azione i mezzi spargisale in città per quanto disposto dal Comune di Vasto che da ieri ha disposto, in caso di neve e di ghiaccio, l’obbligo di montare gomme termiche o catene a bordo in auto.

Nell’aquilano sono molti i comuni bloccati per la copiosa nevicata con la coltre che ha raggiunto nei centri montani un metro di neve. È il caso di Castel del Monte e la perla Santo Stefano di Sessanio dove è molto alta la percentuale di anziani e dove per questo si stanno organizzando servizi di assistenza. Nella bassa Valle Subequana, in particolare San Demetrio, Villa Sant’Angelo, Fossa, Sant’Eusanio Forcinese, bloccati da 70 centimetri di neve. A Montereale, nell’alta valle Subequana, la neve ha ricoperto i cartelli stradali.

Nel pescarese la coltre bianca arriva a punte di 80 centimetri, come a Passolanciano, Sant’Eufemia, ma fino ad ora non sono state segnalate emergenze particolari agli addetti della Provincia. Le scuole sono tutte chiuse anche nella zona di Popoli, e le uniche difficoltà che si sono registrate sono legate alla caduta di rami e alberi appesantiti dalla neve, non solo in Val Pescara ma anche altrove e stanno provvedendo i vigili del fuoco.

Situazione tutto sommato buona a Lanciano dove sono caduti almeno 40 centimetri di neve. La viabilità sulle strade principali è difficoltosa, ma al momento non si registrano problemi rilevanti al traffico, né incidenti. Sono operativi circa 15 mezzi spazza neve sulle strade della città, tra cui le macchine spargisale per impedire la formazione del ghiaccio. E’ stato rinviato anche il ballottaggio per il rinnovo del consiglio dell’ordine degli avvocati di Lanciano, in programma questa mattina in tribunale: il presidente Sandro Sala ha comunicato ai circa 400 avvocati il rinvio delle operazioni di voto al 13 febbraio prossimo, stessi orari. L’assessore all’ambiente del comune di Lanciano, Evandro Tascione, ha chiesto ai cittadini di “trattenere nel limite del possibile i rifiuti nelle proprie abitazioni per evitare un degrado dal punto di vista igienico sanitario in quanto la raccolta differenziata e indifferenziata sarà sospesa fino a domenica 5 febbraio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *