L’Abruzzo si prepara ad una nuova ondata di maltempo

E’ ripreso a nevicare, come da previsioni, sulla costa abruzzese. E stavolta con folate di vento gelido che rendono ancor più difficile la circolazione delle auto. Difficoltà anche per chi ha lasciato la propria abitazione e si è avventurato a piedi per raggiungere i luoghi di lavoro. I mezzi spazzaneve sono già a l’opera per liberare le strade. Nevica nel lancianese, in Val di Sangro e sul vastese, da carabinieri e polizia stradale, al momento, non arrivano segnalazioni di criticità, se non dalla provinciale Cupello-Furci, ove sono in azione mezzi antineve dotati di lame che stanno aprendo varchi nei punti dove i cumuli intralciano il transito dei veicoli. Un black out elettrico tiene bloccati da quasi due ore i passeggeri del treno regionale Termoli-Teramo. Una sessantina di passeggeri del convoglio sono rimasti fermi qualche chilometro prima della stazione di San Nicolò a Tordino di Teramo a causa di un guasto ai cavi della linea elettrica che alimenta la linea ferroviaria. Il treno con i pendolari era partito da Giulianova alle 8,38 ed avrebbe dovuto raggiungere il capoluogo intorno alle 9. I tecnici sono all’opera per ripristinare il servizio.

Le scuole riapriranno a Chieti lunedì prossimo. Lo ha deciso stamane il sindaco, Umberto Di Primio, in considerazione del perdurare delle nevicate che, dalla notte scorsa, si stanno abbattendo sulla città e sulla provincia.

Lezioni sospese domani e giovedì nelle scuole di ogni ordine e grado del comune di Lanciano, compresi gli asili nido. Lo stabilisce un’ordinanza del sindaco Mario Pupillo, per il perdurare delle cattive condizioni atmosferiche nella zona frentana. Salgono così a 6 i giorni di sospensione delle lezioni per l’ondata di maltempo che ha colpito Lanciano e il suo comprensorio con oltre 40 centimetri di neve caduti al suolo. Questa mattina ha ripreso molto lentamente, dopo 5 giorni di sospensione, il servizio di raccolta rifiuti differenziati e indifferenziati da parte dell’Ecologica Sangro, che gestisce il servizio in appalto. I cassonetti sono pieni di spazzatura e circondati da grandi cumuli di neve: il comune sta impiegando una decina di lavoratori socialmente utili per rendere accessibili ai compattatori le isole ecologiche.

“Sarà doveroso che la Regione promuova senza indugi una “class action” nei confronti di ‘Strada dei Parchi’, Trenitalia e dell’Enel”. Lo sostiene il consigliere regionale del PDL in Abruzzo, Riccardo Chiavaroli, che aggiunge: “Essere sostenitori delle liberalizzazioni, significa anche saper pretendere che i servizi siano efficienti ed economici e che gli stessi rispondano innanzitutto alle esigenze degli utenti, anche attraverso un sistema di premialità o sanzioni a seconda dei comportamenti adottati. Per questo, trovo decisamente opportuna e puntuale la sollecitazione dei presidenti Chiodi e Pagano affinchè vi sia un immediato accertamento del modo di operare di “Strada dei Parchi” durante l’emergenza neve di questi giorni nella nostra regione. Proprio nella convinzione che la Regione Abruzzo nelle ore di acuta emergenza abbia ben fatto a concentrarsi sui propri compiti di coordinamento e di assistenza immediata ai cittadini, senza perdersi in polemiche preventive, ora possiamo con serenità chiedere conto di quanto svolto dagli altri attori coinvolti nella gestione dell’emergenza maltempo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *