Tribunali minori, proroga di 3 anni per la riforma delle circoscrizioni delle province di Chieti e L’Aquila

E’ stato approvato nella notte in commissione Bilancio e Affari Costituzionali del Senato un emendamento che proroga di 3 anni la riforma delle circoscrizioni giudiziarie delle province di Chieti e L’Aquila. I tribunali ‘minori’ che non verrebbero dunque soppressi (come previsto inizialmente dalla manovra finanziaria, ndr) nei prossimi 3 anni sono quelli di Lanciano, Vasto della provincia di Chieti, Sulmona e Avezzano della provincia dell’Aquila. La proposta si trova all’interno del maxi emendamento alla manovra finanziaria, il Milleproroghe, su cui domani verrà votata la fiducia in Senato. L’emendamento è stato motivato con i danni provocati ai tribunali delle due province dal terremoto del 2009 ed a quanto si apprende è stato votato all’unanimità dai membri della commissione Bilancio.

“La notizia della proroga di 3 anni per l’attuazione della riforma delle circoscrizioni giudiziarie dei tribunali della provincia di Chieti, tra cui quello di Lanciano, riempie di soddisfazione e gioia tutti i cittadini del nostro territorio, gli operatori della giustizia ed il Comitato tecnico, costituito dal Consiglio Comunale all’unanimità, che in questi mesi ha elaborato un progetto di accorpamento presentato, il mese scorso, al Ministero della Giustizia – è stato il commento a caldo del sindaco di Lanciano, Mario Pupillo -. E’ importante, inoltre, sottolineare la grande sinergia che l’Amministrazione Comunale sta intessendo a livello istituzionale, lavorando su più fronti, per tutte le questioni importanti come Asl, Ospedale, Tribunale. In questa virtuosa azione dell’Amministrazione va sottolineato l’impegno proficuo e meritorio del Sen. Legnini cui va il nostro plauso, come a tutti i parlamentari abruzzesi che si sono impegnati su questo fronte”.

“L’approvazione rappresenta il chiaro risultato di come l’impegno bipartisan su un problema del territorio possa trovare adeguata risposta”. E’ quanto dichiara in una nota diffusa nel pomeriggio di oggi dal senatore e vice coordinatore regionale del Pdl, Fabrizio Di Stefano. “Questa iniziativa, partita dalla volontà del collega Pastore e di tutti i senatori del Pdl abruzzese e che ha visto poi a completamento l’intervento collegato del senatore Legnini – sottolinea Di Stefano – ha dato vita in Commissione grazie anche all’apporto del collega Tancredi, all’emendamento approvato. Ciò fornisce una chiara risposta e scongiura le “lotte di campanile” tra le varie sedi giudiziarie interessate, dando invece il tempo necessario a tutte le nostre strutture di elaborare un progetto complessivo che colga appieno il senso della legge delega e, al tempo stesso, non scompensi il territorio abruzzese”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *