Cardiologia-terapia intensiva dell’ospedale “Santo Spirito” di Pescara letti donati dalla Saquella

L’azienda SAQUELLA 1856 SRL ha acquistato sei letti elettrocomandati, donati questa mattina, nel corso di una cerimonia, al reparto di Cardiologia-terapia intensiva dell’ospedale “Santo Spirito” di Pescara.
Presso l’unità operativa del nosocomio, alla presenza del direttore dell’Utic Leonardo Paloscia, Enrico e Bianca Saquella titolari dell’omonima azienda, e alcuni ex pazienti dell’associazione “Gli amici del presepe di Montesilvano”, hanno spiegato i motivi alla base della donazione che vede anche la compartecipazione della Ilca carni.
“La donazione – ha dichiarato Bianca Saquella – è nata da una conversazione informale con il dottor Paloscia che ci ha fatto presente un’esigenza del reparto di terapia intensiva. Siamo convinti che sia compito degli imprenditori aiutare le strutture pubbliche e siamo orgogliosi di aver dato un contributo importante: invitiamo quindi i nostri colleghi imprenditori a fare altrettanto poiché un’azienda deve anche avere una responsabilità sociale forte nei confronti del territorio e della collettività”.
Il dottor Paloscia ha illustrato poi le caratteristiche dei sei letti motorizzati (costo 18mila euro) che saranno utilizzati nel reparto di terapia intensiva.
“Sono tanti i vantaggi derivanti dall’utilizzo di questi letti altamente tecnologici – spiega il primario -: a partire dal comfort del paziente che potrà assumere posture più idonee per le proprie condizioni cliniche, alla riduzione del carico assistenziale infermieristico in quanto si tratta di letti comandati dagli stessi malati con apposito telecomando. Questi letti esistono solo nel reparto di rianimazione, ma la Asl sta provvedendo ad acquistare altri 12 letti per completare la dotazione su tutte le postazioni presenti nell’unità operativa”.
“Speriamo – ha concluso Enrico Saquella – di poter ripetere in futuro importanti donazioni con altri reparti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *