54 comuni del pescarese, chietino e teramano ancora alle prese con la carenza d’acqua

Penne, Farindola, Montebello di Bertona, Civitella Casanova, Città Sant’Angelo, Montesilvano, Spoltore, Loreto Aprutino, Collecorvino, Picciano, Cappelle sul Tavo, Pianella, Moscufo, Elice, Vicoli, Villa Celiera, Abbateggio, Cepagatti, Manoppello, Tocco da Casauria, Torre dè Passeri, Scafa, Rosciano, Alanno, Nocciano, Cugnoli, Catignano, Civitaquana, Pescosansonesco, Pietranico in provincia di Pescara; Chieti, Francavilla al Mare, Ripa Teatina, Casalincontrada, San Giovanni Teatino, nel chietino; Montefino, Bisenti, Arsita, Atri, Castiglione Messer Raimondo, Castilenti, nel teramano.

Sono questi i comuni alle prese con disagi nell’erogazione dell’acqua a causa del maltempo.Il ghiaccio, infatti, gela le sorgenti, riducendo la portata dell’acqua. L’Azienda consortile acquedottistica che garantisce il servizio, ha fatto sapere che per tornare alla normalità occorreranno tra i sette e i dieci giorni. Le proteste non mancano e non si escludono azioni legali contro l’azienda. In molte abitazioni non è possibile avere a disposizione l’acqua calda proprio per un problema di pressione, che non fa partire le caldaie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *