La Fiom allarmata: “Marchionne sta per vendere alla General Morots la Sevel”

“In attesa del possibile annuncio che potrebbe essere fatto al salone di Ginevra, si infittiscono tra gli analisti le ipotesi sulla portata dell’accordo tra Psa Peugeot-Citroen e General Motors e, soprattutto, sugli ambiti in cui potrebbero cooperare i due gruppi. Uno di questi, fra l’altro, potrebbe essere quello dei veicoli commerciali dove Psa ha un accordo con Fiat per la produzione in comune negli stabilimenti di Valenciennes e di Val di Sangro”.  La Fiat, secondo la Fiom Cgil, starebbe quindi per vendere la fabbrica del Ducato a Piazzano di Atessa. Marco Di Rocco, segretario provinciale del sindacato è chiaro in proposito: “Queste notizie confermano che L’Italia, L’Abruzzo e le istituzioni locali, in questi anni non ci hanno voluto ascoltare. Abbiamo sempre denunciato la poca chiarezza strategica sul futuro dello stabilimento SEVEL e dei suoi 6000 dipendenti. Marchionne, mentre sta vendendo lo stabilimento abruzzese, cancella il CCNL, sottoscrive con i sindacati compiacenti l’accordo vergogna di Pomigliano e svende i diritti dei lavoratori – dice Di Rocco, che poi aggiunge: “Nessuno si occupa dei problemi veri del terriotio, l’importante è cacciare la Fiom Cgil dallo stabilimento per poter far quel che si vuole. E’ arrivato il momento della mobilitazione di tutti contro la vendita a General Motors dei nostri prodotti Psa, oltre 100.000 l’anno tra Boxer E Jumper. Automotive News Europe, per esempio, ricorda che tre settimane fa lo stesso CEO di Psa, Philippe Varin, aveva confermato di essere alla ricerca di un partner per sostituire Fiat quando nel 2017 dovrebbe concludersi l’accordo relativo ai modelli Peugeot Expert, Citroen Jumpy e Fiat Scudo, ma anche ai Citroën Jumper, Peugeot Boxer e Fiat Ducato, prodotti per i tre marchi in Italia. “Stiamo guardando a soluzioni – aveva detto Varin – per i nostri futuri veicoli commerciali. Nel nostro settore industriale è difficile svilupparli da soli ed per questo che abbiamo bisogno di trovare il partner giusto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *