AMBIENTE/ All’Oasi di Serranella apre lo Sportello Amico. Concorso per i 90 anni del Parco nazionale d’Abruzzo

Altre novità dall’Oasi WWF – Riserva Naturale Regionale “Lago di Serranella”. Domani, a Casoli, apre lo ‘Sportello Amico’. “Lo sportello – esordisce Andrea Natale, Referente locale dello IAAP-WWF – è una opportunità in più dove potersi incontrare e confrontare, un altro punto di riferimento che si aggiunge al Centro Visite in Località Brecciaio di Sant’Eusanio del Sangro. La volontà – continua Natale – è venire incontro alle esigenze dei cittadini e dare risposte alle necessità di chi vive e/o lavora dentro o vicino all’Oasi, a chi la frequenta, a chi vuole allacciare o proporre una collaborazione per sviluppare attività rientranti tra quelle istitutive della Riserva per cogliere insieme gli obiettivi della tutela della biodiversità e del perseguimento di un benessere durevole a livello locale”. Lo “Sportello Amico” sarà ospitato in Sala Consigliare dal Comune di Casoli e sarà aperto al pubblico tutti i mercoledì dalle 10 alle 13. “Oltre alle pratiche autorizzative e alle segnalazioni – precisa Natale – sarà possibile presentare e proporre idee, legate alla mission dell’Oasi e da sviluppare insieme, sulle quali sviluppare progettualità congiunta per tutti quei soggetti, imprenditori, agricoltori, associazioni, singoli cittadini che credono e vogliono mettere in pratica la necessità di conciliare economia e salvaguardia della biodiversità e degli equilibri degli ecosistemi”.

Da Serranella al Parco nazionale d’Abruzzo, che insieme all’Associazione Futuro Remoto di Villetta Barrea, ha ideato nell’ambito della Carta Europea del Turismo Sostenibile, “Buonanotte nel Parco” un concorso per promuovere i valori naturali, culturali e sociali dell’area protetta che il prossimo 9 settembre compirà 90 anni di vita. “Il Premio – afferma la scrittrice Dacia Maraini presidente della giuria – permetterà non solo di costruire un archivio di racconti ambientati nel territorio del Parco, ma, grazie ad una distribuzione dei migliori racconti nelle strutture ricettive del territorio, darà la possibilità ai turisti di poter trovare sul comodino vicino al proprio letto, una evocativa storia del territorio che stanno visitando e addormentarsi così, sognando di antichi guerrieri sanniti, di pastori transumanti, di borghi medievali, di briganti e, naturalmente, di orsi, camosci, cervi e di ogni particolare dello straordinario paesaggio del Parco”. Si può partecipare con un racconto, per adulti o bambini, scritto e illustrato, dal tema importante e attuale: “Paesaggio e diversità culturale”. Ognuno – spiega il Parco in una nota – potrà interpretare liberamente l’argomento ma alla base c’e’ l’idea del “paesaggio del Parco” come luogo di conservazione e memoria di culture ed epoche diverse, come luogo d’incontro fra popolazioni che provengono da paesi del mondo intero e che possono ritrovare una comune intesa, come luogo di confronto ideologico tra chi intende lo sviluppo locale come una crescita senza limiti e chi, invece, come una crescita sostenibile. I racconti, di massimo 3 pagine, dovranno essere inviati entro il 16 giugno prossimo al Servizio Promozione del Parco. Fra tutti i racconti inviati, tre arriveranno alla selezione finale. A scegliere il vincitore sarà una giuria presieduta da Dacia Maraini e dal presidente del Parco. La premiazione avverrà il 9 settembre, in occasione delle celebrazioni del 90esimo anniversario della nascita del Parco. Tutti e tre i racconti finalisti saranno pubblicati nelle nuova collana editoriale “Racconto della buona notte nel Parco” e diffusi tramite i canali divulgativi, di comunicazione e di promozione del Parco. Per informazioni e iscrizioni si può visitare il sito web del Parco, www.parcoabruzzo.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *