Parterre di eccezione per l’esecuzione a Roma del Requiem di Mozart con la direzione di Antonella De Angelis

Grande ovazione, martedì scorso a Roma,  per il Requiem di Wolfgang Amadeus Mozart eseguito dall’orchestra abruzzese “Benedetto Marcello”, diretta dal maestro Antonella De Angelis. Circa mille e duecento spettatori hanno affollato la Chiesa del Gesù di Roma, in piazza del Gesù,  tra i quali  vari ministri del Governo e personalità pubbliche, come Annamaria Cancellieri, i ministri Corrado Passera e Piero Giarda, il governatore della Regione Lazio Renata Polverini, la signora Elsa Antonioli, moglie del Presidente del Consiglio Mario Monti,  il capo della Polizia Manganelli e diversi esponenti del Parlamento e delle forze militari.
L’evento, inserito nell’ambito del 15° Festival di Pasqua, è stato tra i più attesi della rassegna di musica sacra con artisti di fama internazionale acclamati nei più grandi teatri di tutto il mondo. Protagonista della magistrale esecuzione di un’opera che resta tra le più acclamate della storia musicale sacra di tutti i tempi, il soprano Chiara Taigi, il mezzosoprano Anna Malavasi, il tenore Luciano Ganci, il baritono Gianluca Lentini, accompagnati dal Coro Polifonico di Pescara e dal coro Histonium di Vasto, preparati rispettivamente dai maestri Nicola Russo e Luigi Di Tullio .
L’evento è stato promosso dal Fondo degli Edifici di Culto del Ministero dell’Interno in occasione del restauro della Cappella della Natività, dall’Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico di Roma Capitale, dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali/Direzione Generale, dalla Regione Lazio, e dalla Pan Dream.
Grande soddisfazione per una direttrice d’orchestra già considerata “tra i più interessanti direttori della sua generazione” (Donato Renzetti), fondatrice dell’Orchestra Femminile del Mediterraneo e collaboratrice di artisti di chiara fama, che ha eseguito in maniera ineccepibile un’opera di grande potenza musicale, accompagnata da un’orchestra teramana, e da due cori amatoriali abruzzesi.  Per lei, che vive e lavora a Pescara, una soddisfazione da condividere con quanti fanno apprezzare la qualità dei musicisti abruzzesi fuori dai confini regionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *