Scarichi in mare abusivi: quattro persone identificate e sanzionate dalla polizia provinciale a Pescara

Quattro scarichi abusivi di acque reflue domestiche sono stati individuati dalla polizia provinciale, insieme al personale del  Corpo forestale dello Stato e con la collaborazione dei  tecnici del  Comune di Pescara e dell’Aca Spa, in località Pozzo di Coccia, nella zona di via Monte Carmelo, a Pescara. Gli scarichi – spiega il comandante della polizia provinciale, Giulio Honorati, erano abusivi perché non collegati alla rete fognaria comunale. Dalle indagini è emerso che le acque reflue, tramite un allaccio di fortuna realizzato da privati, confluivano in un  fossato naturale, situato tra i comuni di Pescara e Francavilla al Mare, e con sbocco diretto a mare.

La polizia ha identificato i quattro trasgressori, proprietari di singole abitazioni, ai quali è stata contestata la violazione del Codice dell’ambiente (art. 133 D.Lgs. 152/06 e s.m.i.),  che prevede per questo illecito una sanzione amministrativa pecuniaria che va da 600 a 3.000 euro.

 

La zona in questione – commenta Honorati parlando di questa operazione, eseguita dall’unità operativa di Polizia ambientale –  è di interesse ambientale  per la presenza di alcune sorgenti naturali nonché habitat ideale per la nidificazione dei gruccioni e di altra avifauna migratoria.

 

La polizia provinciale ha provveduto a comunicare al Comune di Pescara la necessità di un’ordinanza che stabilisca l’obbligo di allaccio alla rete fognaria comunale per i quattro trasgressori, suggerendo inoltre di intervenire per eliminare la condotta esistente in quella zona, che è sconnessa e ormai logora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *