Centri per l’Impiego e Fondo sociale europeo.Regione e Provincia di Teramo incontrano i sindacati

Ieri pomeriggio il presidente Catarra, l’assessore regionale al Lavoro, Paolo Gatti e l’assessore provinciale Eva Guardiani si sono incontrati con i sindacati – la Uil non ha partecipato al tavolo – per un confronto sul futuro dei Centri per l’Impiego e delle risorse del Fondo sociale Europeo utilizzate  dalle Province, alla luce delle legge di riforma degli enti provinciali che ne ridefinisce funzioni e sistema elettivo. L’assessore regionale al Lavoro, Paolo Gatti, ha confermato che i trasferimenti del Fondo sociale europeo, con i quali la Provincia finanzia i progetti delle politiche del lavoro e paga i dipendenti di Teramo Lavoro impiegati a supporto di queste specifiche attività, sono garantiti solo fino al 31 dicembre di quest’anno.A livello nazionale si è aperto un confronto sul futuro dei Centri per l’Impiego, oggi in capo alle Province, per decidere da chi verranno gestiti dopo il 31 dicembre: se dalle Regioni, come pare più probabile, o dai Comuni. Come sottolineato dall’assessore Gatti nel corso dell’incontro di ieri sera, l’Abruzzo seguirà le indicazioni e le soluzioni che emergeranno dal confronto con le altre Regioni del Centro Italia.La Provincia di Teramo, l’unica in Abruzzo che ha costituito una società in house offrendo una risposta occupazionale ai precari storici dell’ente, dovrà, quindi, decidere come procedere in vista della scadenza dei contratti dei dipendenti – il 30 aprile – e della fine della fase di start up (30 giugno) della Teramo Lavoro. Com’è noto, i contratti non si possono prorogare oltre la fase di avvio della società e in ogni caso i fondi disponibili fino al 31 dicembre non consentono una copertura economica a tempo pieno per tutti i dipendenti FSE. Sottolineata la disponibilità dell’assessore Gatti a procedere di comune accordo con la Provincia il presidente Catarra ha quindi riconvocato i sindacati per il prossimo 16 aprile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *