Iniziata l’operazione ‘San Silvestro’: le antenne andranno su piattaforma off shore

Per le antenne televisive a San Silvestro è ufficialmente cominciato il conto alla rovescia. Dovranno andarsene e spostarsi sulla piattaforma off shore nel più breve tempo possibile”.

E’ il perentorio annuncio del sindaco di Pescara, Luigi Albore Mascia, dopo il vertice svoltosi a Pescara alla presenza del Presidente Chiodi, dell’assessore all’Ambiente Isabella Del Trecco, del consigliere regionale e comunale Pdl Lorenzo Sospiri e del Dirigente del Settore Ambiente Antonio Sorgi.

“Tutto ciò avviene rispettando quanto previsto dall’Agcom, che ha definitivamente escluso San Silvestro dal Piano Nazionale di assegnazione delle Frequenze. Per il prossimo 24 aprile, a L’Aquila, – prosegue Mascia -, il Presidente Chiodi convocherà un vertice tecnico con il sottoscritto e con tutte le emittenti televisive per capire come le varie aziende si stanno muovendo per ottemperare a tale dispositivo e soprattutto per ricordare loro che lo ‘sfratto’ sancito con l’Agcom non avrà altre proroghe. Lo scorso 13 marzo, esattamente un mese fa – ha ricordato il sindaco – l’Agcom ha pubblicato il Piano Nazionale di Assegnazione delle Frequenze radiotelevisive che ha confermato quanto già ci era stato anticipato nei mesi scorsi dal Segretario generale, l’ingegner Roberto Viola, in ordine all’esclusione definitiva permanente del sito di San Silvestro. A questo punto le antenne dovranno andare via, non ci sono ulteriori indugi, né atti, San Silvestro verrà bonificato. E peraltro al posto di San Silvestro l’Agcom ha inserito, come richiesto dal Comune e dalla stessa Regione Abruzzo, la piattaforma off shore, denominata ‘Francavilla’, che secondo lo studio condotto dalla Facoltà di Ingegneria de L’Aquila, è idonea a ospitare le antenne, anche sulla base degli studi che hanno certificato l’assenza di interferenze radioelettriche con l’altra sponda dell’Adriatico. Abbiamo raggiunto un risultato storico sul quale in pochi credevano, e noi invece ce l’abbiamo fatta, sostenuti anche dalla caparbietà di quei cittadini che da anni si battono per riportare tranquillità sulla collina e per la tutela della salute collettiva. Ovviamente non è finita: il Comune ha fatto la sua parte, esercitando un’azione di pressing sugli Enti locali e soprattutto facendo sentire in modo chiaro la voce della città sui tavoli romani. Ora anche la Regione dovrà fare la propria parte, ossia attivare la piattaforma off shore e per tale ragione ho subito scritto una lettera al Presidente della giunta regionale Gianni Chiodi chiedendo un incontro al fine di avviare la seconda fase di intervento per rendere operativo il nuovo sito ‘off-shore’ e consentire, quindi, il trasferimento degli impianti sulla piattaforma marina. Detta fase, come noto richiede un fattivo intervento della Regione Abruzzo che, in qualità di amministrazione competente in materia, dovrà attivare tutte le iniziative amministrative e tecniche per acquisire la disponibilità della piattaforma e renderla idonea ad accogliere gli impianti oggi ubicati a San Silvestro. Nel corso del vertice odierno innanzitutto è stato chiarito che il passaggio al digitale terrestre, previsto a Pescara per il prossimo 8 maggio, non determinerà alcun oscuramento. Io ho ribadito al presidente Chiodi la necessità di mantenere la linea della massima fermezza sul ‘caso’ degli impianti televisivi che, come previsto dall’Agcom, devono lasciare San Silvestro, ricorrendo a tutte le misure necessarie. Per tale ragione il Presidente Chiodi ha annunciato la convocazione per il prossimo 24 aprile, a L’Aquila, di un vertice tecnico, al quale saremo presenti, con le emittenti stesse per ricordare alle emittenti che devono lasciare San Silvestro e per capire come si stanno attrezzando per il trasferimento sulla piattaforma off shore, il nuovo sito individuato dall’Agcom. Del resto ricordiamo che quelle antenne dovevano lasciare San Silvestro già dal 2008, quindi oggi nessuna può dirsi impreparata a tale provvedimento”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *