Rimesso a nuovo l’elettrodotto “Alanno-Bolognano-Bussi-Popoli”

Terna ha rimesso a nuovo l’elettrodotto a 150 kV “Alanno-Bolognano-Bussi-Popoli”. Dopo 14 mesi di lavori e un investimento di 7,5 milioni di euro la nuova linea elettrica, lunga circa 24 km e costruita sfruttando in parte il tracciato della vecchia tratta risalente agli anni ’40 del secolo scorso, è entrata definitivamente in servizio in questi giorni. Notevoli i benefici ambientali dell’infrastruttura elettrica. Il nuovo percorso, infatti, è composto da 73 sostegni, a fronte dei 108 della vecchia linea.

A conti fatti, quindi, il territorio è stato “liberato” da 35 tralicci. In particolare, sono state eliminate interferenze in aree fortemente antropizzate, come quelle nell’abitato di Scafa e di Tocco da Casauria. Sono stati inoltre rimossi tutti i sostegni precedentemente ricadenti all’interno del Parco Nazionale della Maiella.

Con la sua attuale configurazione l’elettrodotto “Alanno-Bolognano-Bussi-Popoli” migliora in modo significativo l’efficienza, l’affidabilità e la qualità del servizio sulla rete di trasmissione della zona. Il rifacimento e potenziamento dell’elettrodotto si è reso necessario per la vetustà del vecchio impianto, ormai non più adatto ai carichi di energia attuali del pescarese. Le linee originarie erano infatti in gran parte inadeguate e con scarsa capacità di trasporto. Il nuovo elettrodotto raddoppia la precedente portata dell’elettricità, passando da 450 a 870 Ampere. Questo consente di eliminare i vincoli di produzione alle centrali lungo la direttrice Alanno, Bolognano e Bussi sul Tirino. Inoltre, l’elettrodotto è provvisto per l’intero percorso sia della fune di guardia, uno speciale conduttore posto sopra le linee a protezione dai fulmini, sia della fibra ottica, per la trasmissione di una gran quantità di informazioni di tipo digitale.

In alcune tratte dell’elettrodotto sono state installate spirali avifauna, dispositivi di colore bianco e rosso che evidenziano la linea, particolarmente utili per le rotte migratorie degli uccelli: rappresentano infatti una barriera visiva che evita la collisione dei volatili con i conduttori. I lavori dell’elettrodotto, che hanno coinvolto 3 imprese, sono stati eseguiti in quattro differenti fasi. La prima tratta entrata in esercizio è stata quella tra Bussi e Popoli, a metà 2011, successivamente le altre: a ottobre la “Alanno – Bolognano”, a fine febbraio del 2012 la “Bolognano C.le – Bolognano C.P.”, e a marzo la “Bolognano C.P. – Bussi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *