Bonanni alla Sevel per la vittoria della Fim Cisl nelle elezioni per le rappresentanze sindacali

“Un successo straordinario che fa anche da spartiacque nelle consultazioni democratiche dei lavoratori nel settore industria. Complimenti alla Fim e a tutti i delegati”.

La soddisfazione è quella del segretario generale della Cisl, Raffaele Bonanni, che commenta i risultati delle elezioni delle rsa negli stabilimenti Fiat della Sevel di Val di Sangro e di Melfi, proprio davanti ai cancelli della fabbrica del Ducato, ad Atesa

“Alla Sevel, lo stabilimento metalmeccanico più grande d’Italia con oltre seimila addetti, la Fim Cisl per la prima volta- sottoliena Bonanni –  doppia tutti gli altri sindacati, raggiungendo di fatto la maggioranza assoluta dei votanti. Un risultato storico. Anche a Melfi la Cisl è andata benissimo, con un aumento di un terzo dei delegati, rispetto alle ultime elezioni. E’ stata premiata la linea responsabile e concreta della CISL. I lavoratori non si fanno ingannare dalle chiacchiere ideologizzate di chi insegue nelle fabbriche obiettivi politici. Chiedono solo risposte ai loro problemi come fa un sindacato come la CISL che da anni persegue una linea riformatrice chiara, salvaguardando il lavoro ed i salari con accordi innovativi e partecipativi”.

Bonanni, che è nativo di Bomba, a pochi chilometri di distanza dall’agglomerato industriale sangrino,  è stato accolto dal segretario provinciale FimCisl, Domenico Bologna. Al termine dello spoglio la Fim ha ottenuto 1.987 voti.

“Da tre anni siamo il primo sindacato in Sevel e questo vuol dire che stiamo dalla parte dei lavoratori. Avremo 25 rsa su 51, quasi la maggioranza assoluta, e già da domani ci metteremo al lavoro per centrare l’obiettivo del 2012, il rinnovo del contratto Fiat – ha annunciato Bologna -. Entro giugno sarà pronta la piattaforma con le nostre richieste – continua Bologna – tra le prime c’é sicuramente l’aumento del salario dei lavoratori”.

Nell’ultima elezione del novembre 2009, la Fim ottenne 1.607 voti e 16 rappresentanti, allora rsu.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *