L’Aquila sconfitta a Perugia senza attenuanti

Perugia – L’Aquila  2-1 (2-1)

Perugia: Giordano, Anania, Pupeschi, Carloto, Cacioli, Borghetti (30′ st Zanchi), Margarita (17′ st Ferri Marini), Benedetti, Balistreri, Clemente, Moscati. A disposizione Despucches, Padovani, Borghese, Ferri Marini, Moneti, Tozzi Borsoi. All. Battistini

L’Aquila: Testa, Simoncini, Prete, Campinoti (40′ Calvarese), Prizio, Agnello, Improta (20′ st Modesti), Perfetti, Cavaliere, Capparella, Pianese (9′ st Cunzi). A disposizione Catinali, Pietrella, Ruggiero, Colussi. All. Papagni

Arbitro Pietro Dei Giudici (Latina); assistenti Fabrizio Ernetti (Roma 2), Mohamed Mahmoud Atta Alla M.(Roma 2)

Marcatori: 24′ Clemente (P) su rigore, 25′ Cavaliere (L’A), 28′ Moscati (P)

ammoniti: Capparella, Prete, Benedetti
espulsi: Testa
recupero: 3′ – 4′

Sconfitta senza attenuanti de L’Aquila che incassa la seconda sconfitta consecutiva e che esce da Perugia dovendosi rammaricare di non aver retto il confronto con la capolista. La sconfitta matura in soli quattro minuti, al 24′ i grifoni passano in vantaggio con un rigore realizzato da Clemente per un fallo di mano di Prete apparso ai più del tutto involontario. Neanche sessanta secondi dopo gli aquilani pareggiano con Cavaliere ma la gioia di aver subito raddrizzato lo svantaggio non dura perché il rientrante Testa si fa sorprendere al 28’ da un tiro scagliato dalla lunga distanza da Moscati. Nessuna reazione di sorta da parte abruzzese fino alla chiusura del primo tempo. Nella ripresa domina il Perugia, andando più volte vicino alla terza segnatura e partita in ghiaccio dopo il 65’ quando Testa travolge Balestieri e viene espulso dal signor Dei Giudici di Latina. La cura Papagni non ha sortito alcun effetto e continua l’inerzia negativa che ormai da quasi due mesi ha frenato il percorso degli aquilani, che nella prossima settimana, sottoposti ai difficili esami da sostenere con Gavorrano ed Aprilia, oggi entrambe vincenti, rischiano, dovessero soccombere, addirittura di uscire dalla griglia playoff.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *