L’AcquaeSapone Fiderma si gode il suo Pichichi Hector: “Felice per i 28 gol, un onore stare lì con Foglia”

Il capocannoniere della serie A di calcio a 5 è lui. Almeno dal punto di vista morale, anche se i regolamenti dicono che lo scettro di re del gol spetta ad Adriano Foglia, della Marca Futsal. Hector Albadalejo Blazquez, spagnolo di Barcellona, classe ’82, è il goleador dell’AcquaeSapone Fiderma. Alla prima stagione in Italia, ha segnato 28 reti giocando 21 partite su 26 (due saltate per squalifica, tre per infortunio).

Foglia ne ha segnati 28 come lui, ma vince la classifica dei bomber grazie agli scontri diretti a favore della Marca sugli angolani. «Credo che comunque sia più facile segnare se giochi con una squadra che è una delle più forti del campionato e vanta uno degli attacchi migliori», dice Hector, che comunque dimostra grande fair play: «Per me io e Foglia siamo arrivati pari, fare ventotto gol non è facile per nessuno, e lui è stato un campione a farli. Se le regole dicono che il primo posto spetta a lui, gli faccio i miei complimenti e mi tengo il secondo posto».

L’estate scorsa il dg dell’AcquaeSapone Fiderma, Gabriele D’Egidio, ha puntato sulla dritta degli agenti della Proneo, società di procuratori spagnola (cura anche gli interessi del capitano della Ponzio, Pc), scegliendo l’attaccante catalano: Hector nelle ultime stagioni nella Liga, con il Marfil Santa Coloma, aveva messo insieme un bottino superiore ai cento gol. Dote confermata in Italia.

E ora, per uno strano incrocio del destino, il numero dieci dell’AcquaeSapone potrà giocarsi la rivincita con Foglia: ai quarti troverà proprio la Marca.

«Avremmo anche potuto giocare il derby contro la Daf ai play off – dice Hector, da tre settimane al lavoro per recuperare da un brutto infortunio ad una caviglia – , ma alla fine siamo arrivati settimi e la classifica dice che ci tocca la Marca, che difenderà lo scudetto del 2011 ed è una delle migliori del calcio a 5 non solo italiano, visto che sta giocare la final four Uefa. Io non guardo alla sfida con Foglia, ma a quella della mia squadra contro una delle grandi della serie A, assieme a Luparense e Montesilvano. Al primo anno in Italia, queste squadre sono quelle che più di tutte mi hanno impressionato. Peccato per la Dafr, arrivata quarta, ha avuto sfortuna altrimenti avrebbe potuto andare anche più lontano».

 

Come si batte ora la Marca? «Per eliminarli, sarà fondamentale vincere l’andata in casa (al PalaRoma di Montesilvano, il 5 maggio, ndc). In gara uno ci giochiamo il 70% delle possibilità di andare in semifinale».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *