Dopo le minacce di morte, il giudice Ingroia rinuncia agli incontri abruzzesi

Salta l’appuntamento teramano del giudice Antonio Ingroia, dopo le farneticanti minacce di morte a firma dello psuedo movimento Fronte Nazionale Forza Nuova. Lo comunica la sua segreteria organizzativa: “Il dottor Antonio Ingroia, dopo aver appreso dalla stampa della lettera di minaccia pervenuta tramite gli organizzatori dell’incontro-presentazione del libro e delle scritte murali deliranti contro la persona dello stesso a Martinsicuro, in previsione dell’incontro programmato per stasera, venerdi’ 27 aprile 2012, ritiene opportuno rinviare la sua partecipazione, anche per ovviare disagi per le forze dell’ordine, che avrebbero comunque garantito la massima sicurezza al procuratore e il quale ringrazia sempre per la loro disponibilità e professionalità”.

Intanto la politica stigmatizza gli atti intimidatori (ieri era stata divulgata sia una lettera minacciosa ed erano comparse scritte deliranti sui muri di Teramo). Tutto il centrosinistra condanna il gesto ma anche Forza Nuova prende le distanze, affermando che scritte e volantini non sono opera del movimento. Il leader abruzzese Marco Forconi definisce la falsa lettera di Fn, “insana e delirante missiva” e non esclude azioni legali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *