Pescara, 24enne inseguito e freddato a colpi di pistola. La polizia dà la caccia all’assassino

Le notizie sono ancora frammentarie ma pongono Pescara dinanzi a un grave fatto di cronaca nera. Domenico Rigante, 24 anni, è stato freddato con un colpo di pistola sparatogli all’interno di un’abitazione di un amico in via Polacchi, a Porta Nuova dove aveva cercato rifugio. Il giovane è stato inseguito in strada da un gruppo di rom mentre era in compagnia del fratello e freddato poco dopo dal suo assassino. Secondo alcuni testimoni sarebbero stati esplosi due colpi di pistola.

Soccorso, Rigante è stato trasportato in ospedale da un’ambulanza del 118, ma è morto poco dopo il ricovero.

L’omicidio sarebbe scaturito dopo una litigio avvenuto domenica scorsa nella zona di Pescara Vecchia con un gruppo di rom. Le indagini della polizia, accorsa subito dopo il gravissimo episodio in via Polacchi, sono ora indirizzate a ricostruire quanto avvenuto nell’ultimo fine settimana per riuscire a risalire all’autore dell’efferato assassinio. Gli inquirenti non escludono che possa essersi trattato di uno scambio di persona: la squadra punitiva, insomma, avrebbe colpito il fratello sbagliato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *