La UIL, la UILCA, sul caso TERCAS. Ecco la lettera.

La UIL Abruzzo e le strutture UILCA della Regione, oggi riunitisi a Pescara, intendono esprimere con chiarezza la loro posizione sulla vicenda Banca TERCAS.

La UIL e la UILCA, in ogni articolazione regionale e nazionale, è e sempre sarà al fianco dei lavoratori della Banca Tercas per la loro tutela, sotto ogni aspetto presente e in divenire, sia per quanto riguarda il posto di lavoro sia per la continuità della Tercas quale motore indispensabile per l’economia del territorio su cui insiste, volano irrinunciabile per il progresso del sistema produttivo.

La UIL e la UILCA dell’Abruzzo auspicano che la missione, temporanea, affidata dall’Autorità di Vigilanza al proprio rappresentante faccia – con la massima sollecitudine possibile – chiarezza rimuovendo così i tanti chiacchiericci che, con una crescente e preoccupante approssimazione, si stanno diffondendo fra il Personale dell’azienda, fra gli operatori economici, fra la gente comune, tutti interessati ad avere certezze e recuperare la tranquillità oggi messa in dubbio per situazioni non certo addebitabili né ai Lavoratori, in senso lato, né alla clientela.

La UIL e la UILCA Abruzzo chiedono con determinazione a chi gestisce attualmente la Tercas di assolvere al meglio l’incarico ricevuto, mantenendo ed aggiornando, come peraltro già assicurato, un rapporto continuo e trasparente con le Rappresentanze del Personale, unitariamente considerate e coinvolte.

 

La UIL e la UILCA Abruzzo vigileranno con grande determinazione affinché, una volta accertate, le responsabilità di quanto accaduto non ricadano in alcun modo sul complesso dei lavoratori di Banca TERCAS, sulla clientela, sul territorio, ma siano ricondotte esclusivamente ai responsabili.

 

La UIL e la UILCA Abruzzo si dissociano e dicono basta alle “uscite giornalistiche” di chi si esercita in dichiarazioni tanto inopportune, tenuto presente che, se fossero fondate, ci si dovrebbe domandare come mai nulla è stato fatto da costoro nei tempi, modi e sedi opportune.

Troppo facile, a posteriori, affermare”noi lo sapevamo”, ma nulla è stato fatto da costoro !

 

La UIL e la UILCA Abruzzo si impegneranno affinchè le Segreterie Regionali delle OO. SS. del primo tavolo negoziale in ABI mettano a punto comportamenti unitari, condivisi, credibili, non dando più occasioni ad alcuno di “primeggiare” in modo velleitario e, francamente, del tutto inutile se non controproducente.

 

La tutela dell’azienda, dei lavotaroti, del territorio possono e devono essere condotte in modo veramente unitario e non frammentario né improvvisato, rimuovendo improvvidi personalismi.

 

Pescara, 16 maggio 2012

La UIL Abruzzo         Le strutture UILCA Abruzzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *