Crollo della Casa dello Studente: il gup Grieco censurato dal Csm. Processo a rischio

Rischia di essere cancellata e dover ripartire da zero l’udienza preliminare per il crollo della Casa dello studente, a L’Aquila.

Il Consiglio superiore della magistratura, infatti, ha censurato il giudice per l’udienza preliminare, Giuseppe Grieco, sul quale è stato avviato un procedimento disciplinare per i quesiti che ha il gup ha posto al perito Maria Gabriella Mulas, docente del Dipartimento Ingegneria strutturale del Politecnico di Milano, nella maxi perizia da 1.300 pagine, considerato il documento cardine del processo, per accertare responsabilità sul cedimento dell’edificio, il 6 aprile 2009. E’ stato lo stesso Grieco a darne notizia oggi in aula, dichiarando la sua astensione dal proseguire l’udienza, che si è bloccata, con sorpresa e preoccupazione dei familiari delle vittime.  Spetterà ora al presidente vicario della Corte d’Appello, Augusto Pace, decidere sia sulla dichiarazione d’astensione da parte di Grieco sia, soprattutto, sulla conservazione dell’efficacia degli atti processuali prodotti fin qui.

Se optasse per la cancellazione, l’udienza preliminare dovrebbe ricominciare con un altro giudice. Quanto a Grieco, sempre da quanto si è appreso, potrebbe fare ricorso alle sezioni riunite della Corte di Cassazione per impugnare la censura a cui è stato sottoposto. Una mossa che potrebbe far slittare le decisioni del presidente della Corte d’Appello aquilana. In questa intricata situazione, sempre ammesso che l’udienza non venga cancellata, in ogni caso i tempi per la ripresa del processo rischiano di allungarsi notevolmente. Sicuramente si andrà oltre la pausa estiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *