Chieti in 10 per 70′ ma centra in rimonta un prezioso 2-2 finale

Partita scoppiettante tra Aprilia e Chieti, com’era d’altronde nelle previsioni, visto che entrambe le squadre hanno sempre privilegiato il gioco di manovra ai tatticismi esasperati. Subito in vantaggio i pontini con Criaco che ribatte in rete una respinta corta di Feola, ma i neroverdi pareggiano due minuti dopo su calcio di rigore con Sabbatini che con un temerario cucchiaio realizza spiazzando l’ex Bifulco. La gara si infiamma ed è soprattutto Calderini a mettere spesso in imbarazzo la difesa teatina e al 25’ con un’azione personale entra in area e supera Feola in uscita. Il tiro batte sul palo interno alla destra del portiere ospite ed entra in rete. Due minuti dopo il Chieti resta in dieci per l’epulsione di Lacarra che rimedia un rosso diretto per un brutto fallo ai danni di Carta. I neroverdi non demordono e seppur in inferiorità numerica il Chieti si rende più volte pericoloso senza però riuscire a realizzare il goal del pari. Buonaiuto perde quasi allo scadere del primo tempo l’occasione per portare a tre le reti dell’Aprilia ma perde l’attimo buono e Feola in uscita intecetta il pallone, sventando il pericolo. Gol del pareggio del Chieti al 48’ ma la rete viene annullata per una segnalazione dell’assistente Lucia Abbruzzese, che aveva in precedenza sbandierato un angolo a favore proprio dei neroverdi. La partita si fa sempre più aperta, i teatini attaccano in forze ma lasciano molto campo alle ripartenze dei laziali che sfiorano ancora una volta il 3-1 con un colpo di testa di Buonaiuto che viene miracolosamente parato dall’attento Feola. Con la sua squadra in inferiorità numerica Amadio gioca e corre per due, recuperando palloni in gran quantità e proponendo continuamente palloni invitanti per i suoi avanti. Il ritmo di gioco non scende e il Chieti pareggia al 39’ con Berardino che recupera un pallone preziosissimo e fugge in contropiede riuscendo a servire Del Pinto che con estrema freddezza supera in uscita Del Pinto e mette in rete, 2-2. Finisce praticamente qui, l’arbitro concede quattro minuti di recupero che vedono i neroverdi difendersi senza affanni. Solo un po’ di spavento al 93’ quando l’esterno Malerba si accascia a terra facendo temere un grave malore, ma il giocatore si riprende e va a sedersi in panchina  sostituito prontamente da Serpico.

APRILIA (4-4-2): Bifulco; Gomes, Gritti, Aquino, Carta; Criaco (43’st Diakite), Cruciani, Croce, Buonaniuto; Pignalosa (31’st Germani), Calderini. A disposizione: Pellegrino, Di Libero, Crialese, Iovene, Salese. Allenatore: Vivarini.

CHIETI (4-2-3-1): Feola; Bigoni, Pepe, Migliorini, Malerba (47’st Serpico); Amadio, Del Pinto; Fiore (36’st Anastasi), Sabbatini, Lacarra; Alessandro (25’st Berardino). A disposizione: Perucchini, Gialloreto, Pedrocchi, Gammone. Allenatore: Paolucci.

Reti: 15’pt Criaco (A), 18’pt Sabbatini su rigore (C), 25’pt Calderni (A), 39’st Del Pinto (C).

Note: espulso Lacarra al 27’pt per gioco violento; Ammoniti: Aquino, Pepe, Calderini, Croce, Feola, Criaco, Malerba. Recupero: 1’pt, 4’st.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *