Porto Pescara: si fa strada l’ipotesi di utilizzare la vasca di colmata. Ora s’attende la risposta della Regione

Sul porto di Pescara potrebbe arrivare una soluzione, alla luce dell’incontro che il sindaco di Pescara, Luigi Arbore Mascia e il Presidente della Provincia, Guerino Testa, hanno avuto ieri a Roma, presso il Ministero delle Infrastrutture. In quella sede è stata ventilata la possibilità di utilizzare la vasca di colmata, che si trova nell’area portuale, per il conferimento del materiale da dragare. Così, oggi, primo cittadino e Presidente, hanno scritto al Governatore Chiodi per un intervento teso in questa direzione.

“Riteniamo, alla luce di tutti gli accadimenti passati e recenti, che si debba nuovamente prendere in considerazione e approfondire questa ipotesi – hanno messo in evidenza -. Il direttore dell’Arta, Mario Amicone, da noi consultato ha messo in evidenza che le ultime analisi effettuate sul materiale contenuto nella vasca di colmata sono assolutamente nei limiti di legge. Si potrebbe pensare quindi di svuotare la vasca di colmata, metterla a norma e cominciare a riutilizzarla. E’ indispensabile però discuterne attentamente con il Provveditorato alle Opere Pubbliche che fino ad oggi non ha mai acconsentito a questo tipo di operazione. Nel pieno rispetto della normativa di settore riteniamo sia opportuno esaminare tale aspetto, che in un momento difficile come questo, potrebbe essere risolutivo.  Chiediamo quindi che sia la Regione Abruzzo a convocare un incontro urgente tra i rappresentati del Comune e della Provincia di Pescara, e quindi i sottoscritti, il direttore dell’Arta e il massimo rappresentante del Provveditorato alle Opere pubbliche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *