Dura è la vita del tifoso: la domenica teatina dei play off

Quella che verrà, sarà per i tifosi teatini una domenica …. lavorativa. Sarà bene andare a letto presto, riposare fino a tarda mattinata, magari regalarsi una passeggiata per il Corso o godere in pieno relax dell’ombra e del profumo dei tigli della Villa Comunale, poi tornare a casa e concedersi un pranzetto domenicale gustoso ma non troppo pesante.  Perché? Per la semplice ragione che dalle ore 16.00 comincia la domenica dei play off. Si parte all’Angelini con Chieti-Aprilia, attesissima semifinale di Lega Pro, che con un pari aprirebbe ai neroverdi le porte della finale. In prevendita assicurano i ben informati che ad oggi sono quasi duemila i tagliandi stampati e che domani l’Angelini si presenterà con una cornice di pubblico degna dei bei tempi andati. Alle 18.00 via di corsa verso Colle dell’Ara, dove sono invece impegnate le ragazze del Cus Chieti contro Orvieto in gara 1 di finale, per accedere nella massima categoria del basket femminile, l’A1. Le atlete di coach Caboni, che hanno cancellato in sole due partite la favoritissima Ragusa, appaiono lanciatissime e bisognose solo del calore dei propri tifosi teatini. Al termine della partita, come nel gioco dell’oca, si torna al punto di partenza, cioè ancora in prossimità dell’Angelini e per la precisione al Pala Santa Filomena per gara 4 tra la BLS e il Trento. Non ci sarà tempo di sedersi a tavola, magari un panino e una birretta al volo al bar della Stazione e poi di corsa al Palazzetto per sostenere le Furie. Alle 20.30 si va a continuare una serie che ha dispensato sinora emozioni d’altri tempi, che sembravano vivere solo nei ricordi e nei racconti dei più vecchi. Impossibile mancare! Solo verso le 22.30, ci si potrà concedere il meritato riposo … tempi supllementari permettendo. E’ si, è proprio vero,  duro è il cimento del tifoso, a volte faticoso fino allo stress, ma qualcuno dovrà pur sobbarcarsi queste fatiche e i teatini appaiono contenti sino all’orgoglio di un impegno così …. esclusivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *