Inchiesta Caligola: chiesta l’interdizione per il vice presidente della Regione, Castiglione

La Procura della Repubblica de L’Aquila, nell’ambito dell’inchiesta condotta dal sostituto procuratore Antonietta Picardi, denominata Caligola, ha chiesto l’interdizione dai pubblici uffici per il vice presidente della Regione Abruzzo, Alfredo Castiglione. L’assessore allo Sviluppo economico, Innovazione tecnologica e informatica, è indagato per corruzione: secondo le indagini della squadra mobile di Pescara diretta da Pierfrancesco Muriana, avrebbe tentato di favorire l’associazione di danza della sua compagna, Marina Kozina. Il vice presidente aveva già chiesto di essere ascoltato. Probabilmente comparirà davanti al magistrato lunedì prossimo. Solo dopo essere stato sentito, il giudice per le udienze preliminari de L’Aquila deciderà sull’applicazione della misura cautelare. Castiglione ha subito una perquisizione e le indagini sul suo conto, dal gennaio scorso, sono proseguite fino ad oggi, facendo presumibilmente emergere nuovi elementi a suo carico.

Il 7 gennaio scorso, come si ricorderà, erano stati eseguiti sette arresti da parte della squadra mobile di Pescara. Tra gli arrestati figuravano Vanna Andreola, dirigente della Regione, e Lamberto Quarta, in qualità di socio della società Ecosfera, ex braccio destro dell’ex presidente della Regione Ottaviano Del Turco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *