Chieti in A1! Le ragazze del CUS battono Orvieto e volano nella massima serie

CUS CHIETI – CAPRINI COSTRUZIONI ORVIETO 58-53 (12-9, 26-17, 41-34)

CUS CHIETI: Marino, De Luca 1 , Diodati, Tognalini 5, Olheim 7, Silva 14, Gonzales 27, Gatti 4, David 2 . Coach: All. Giuseppe Caboni.

Tiri da 2 9/30; tiri da 3 11/17, tiri liberi 7/14; rimbalzi 30 dif. 7 off.

CAPRINI COSTRUZIONI ORVIETO : Cochi, Mariani 15, Perini 2, Puliti24, Capolicchi , Filippetti, Tripalo 12, Reke 11, Ratti 4, Tava 5. All. Angelo Bondi

Tiri da 2 19/45; tiri da 3 1/14, tiri liberi 12/17; rimbalzi 18 dif. 6 off.

Questa volta il CUS Chieti non regala una falsa partenza come in gara 1 e con una Gonzales stratosferica (3 triple ed una entrata bruciante) dopo meno di quattro minuti è avanti 11-2. Coach Bondi chiama time out e serra le file, due canestri della Mariani e uno della Reke riducono lo svantaggio a 3 lunghezze (11-8). Il meccanismo d’attacco del CUS si inceppa e bisogna aspettare un tiro libero della De Luca a 1’31” dalla fine del primo quarto per arrivare a quota 12. Le difese ferree e asfissianti delle due squadre prevalgono sugli attacchi e si chiude la prima frazione con il solito punteggio da minibasket (12-9). Sorpasso della Ceprini in avvio di secondo quarto ma si svegliano la Tognalini e la svedese Olheim che con due bombe riportano Chieti avanti di 5 (18-13) in un lampo. Orvieto stenta a ritrovare il filo della matassa, digiunando per 6 lunghi minuti. Speedy Gonzales mena le danze a velocità supersonica e il vantaggio delle locali aumenta fino al 22-13. Le ragazze di Bondi lottano sino allo stremo delle loro forze per ridurre lo svantaggio ma si va al riposo lungo con le teatine avanti ancora di 9 (26-17). Gli adeguamenti difensivi di Orvieto fermano gli attacchi di Chieti, che al rientro soffre non poco per ritrovare la via del canestro. Le ospiti così rientrano in parità per l’ennesima volta e a 6’40” con un canestro della Ratti si avvicina a -3 (26-23). Un canestro della Gatti rompe il digiuno. La partita è sempre intensa e quando una squadra sembra allungare l’altra in un modo o nell’altro replica. Le teatine riprendono 10 punti di vantaggio (33-23) ma Orvieto non demorde riportandosi sotto a -4. Gonzales e Silva non ci stanno e con due triple a due minuti dalla fine della terza frazione riportano le neroverdi a +10 (39-29). Finita?! Nooo! Con le unghie e con i denti le umbre cercano di restare in partita e il terzo periodo si chiude con le padrone di casa avanti di 7 lunghezze (41-34). Quarta frazione che sia apre all’insegna del caos, la palla scotta e tanti sono gli errori nelle conclusioni. A – 5’15” Orvieto ha la palla del riaggancio ma fallisce una facile conclusione con la Reke. La Tripalo ha due tiri liberi a disposizione a -4’43” e li realizza entrambi. Chieti sembra sfaldarsi e addirittura va sotto di 2 con una transizione della Perini. Rientra in campo la Gonzales, tenuta in panca a riposare, e cambia di nuovo la musica perché con due bombe e una palla rubata riporta Chieti di nuovo avanti di 4 (53-49). L’argentina mette il suggello della vittoria a 1’15” dalla fine con uno scivolamento a canestro, che le permette di realizzare i due punti e un tiro libero aggiuntivo per il fallo subito, 56-49 e fine dei giochi. Vince Chieti 58-53 e torna in A1! Entra in campo la banda e si fa festa, mentre arrivano confortanti notizie anche da Trieste. Orvieto esce a testa alta ma ancora spera nel salto di categoria. Sarà impegnata con Bologna in un’altra serie che aggiudicherà l’ultimo biglietto utile per la A1. Buona fortuna!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *