Castiglione resta al suo posto. Il gip dice no alla richiesta d’interdizione

Il giudice per le indagini preliminari, Marco Billi, ha detto no alla richiesta dell’interdizione dei pubblici uffici eni confronti del vice presidente della Regione Abruzzo, Alfredo Castiglione, avanzata nei giorni scorsi  dal pubblico ministero Antonietta Picardi. Castiglione era finito nell’inchiesta ‘Caligola’ per la quale, il 17 gennaio scorso, furono arrestate sette persone con l’accusa di associazione per delinquere finalizzata alla corruzione. Il vice presidente e assessore allo Sviluppo economico, Innovazione tecnologica e informatica, era stato indagato in quanto nelle indagini svolte dalla squadra mobile di Pescara, diretta da Pierfrancesco Muriana, avrebbe tentato di favorire l’associazione di danza della sua compagna, Marina Kozina. Per il gip Billi, invece, non ci sono sufficienti prove concrete che portino un coinvolgimento diretto, attivo dell’assessore, che non dovrà dimettersi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *