Amianto, interrogazione parlamentare sulla Pilkington di San Salvo

Due interrogazioni sono state presentate in Parlamento dall’onorevole Dorina Bianchi (PdL), all’attenzione dei ministri dell’Interno, del Lavoro e delle Politiche sociali, della Giustizia, dell’Istruzione, dell’Università e della ricerca e della Salute.

Una delle due riguarda il caso di amianto nella “Pilkington”, di San Salvo, dove tutt’ora il rischio morbigeno per lavoratori e cittadini è persistente e di Alfonso Pacilli, sindacalista COBAS, esponente dell’Osservatorio Nazionale Amianto, che ha sempre segnalato la presenza del pericoloso cancerogeno.

Il datore di lavoro del Pacilli, venuto a conoscenza della denuncia di quest’ultimo, ancorché la stessa fosse sottoposta al segreto istruttorio, ha licenziato l’operaio, mentre questi era in convalescenza per via di un infortunio sul lavoro. Un atto che sembrerebbe essere motivato dall’impegno di Pacilli – assistito nella controversia dall’avvocato Ezio Bonanni -, sia in qualità di sindacalista, sia per l’attività svolta per l’Osservatorio Nazionale Amianto, per la tutela della salute e dell’ambiente e dei diritti dei lavoratori esposti e vittime dell’amianto e per la bonifica dell’amianto nel sito lavorativo. Nel documento si precisa che l’avv. Ezio Bonanni, in qualità di Presidente dell’ONA, con la collaborazione dei rappresentanti territoriali dell’associazione, ha richiesto agli enti deputati l’accredito delle maggiorazioni contributive, oltre la verifica della presenza di amianto, e l’incidenza di patologie asbesto correlate, molte delle quali hanno determinato numerosi decessi tra i lavoratori che hanno prestato la loro attività nel sito della Pilkington. L’amianto ad oggi non è stato ancora bonificato, ed è presente nel sito lavorativo. Sono in aumento costante le patologie asbesto correlate in tutta Italia e soprattutto in Abruzzo. Anche in questo caso l’onorevole Bianchi chiede di sapere se il Governo sia a conoscenza di quanto suddetto e quali iniziative intenda intraprendere per la difesa del territorio, dell’ambiente, della salute pubblica e per il ristabilimento della legalità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *