Sì, è tutto vero: la Virtus è in serie B

Un capolavoro di Carmine Gautieri, una squadra incredibilmente decisa a conquistare la B, un pubblico di 500 tifosi al seguito dei rossoneri (tanti per una realtà come quella frentana), che non hanno mai smesso di incitare. Ecco come si vince in dieci una finalissima, che vale la cadetteria.

Non è un’impresa, sarebbe riduttivo definirla tale, è qualcosa di più grande, di indescrivibile. Cuore e coraggio, per 80 minuti. Sono cose che hanno solo le grandi squadre e i grandi uomini. Il resto conta poco. Che sarebbe stata una finale difficile lo si sapeva ma quel che nessuno avrebbe mai potuto immaginare e che l’unica possibilità che il Lanciano aveva di approdare in serie B, cioé vincere, sarebbe arrivata in dieci. Ecco perché Boscaglia, un signore del calcio, a pochi minuti dal termine del confronto è andato a stringere la mano a Gautieri. Certe affermazioni vanno rispettate.  Il tecnico del Trapani lo ha fatto, con grande sportività.

Lanciano in serie B. Chi lo avrebbe mai detto. Eppure è accaduto al termine di una stagione bella sotto molti aspetti. Merito di una pattuglia di ragazzi messi insieme a pochissimo giorni dall’inizio del torneo di Prima Divisione che Gautieri è riuscito a trasformarla in squadra. Vincente. E con i successi è tornato il pubblico. Pavoletti e Chiricò hanno fatto il resto, cementato il rapporto con i sostenitori.

Oggi, al Provinciale di Trapani è arrivato l’ultimo meraviglioso atto, atteso quasi un secolo.

Trapani – Pozzato; Sabatino (34’ s.t. Mastrolilli), Filippi, Priola, Daì, Barraco, Caccetta, Tedesco, Madonia, Gambino (34’ s.t. Cavallaro), Abate. A disp.: Spezia, Colletto, Cianni, Domicolo, Ficarrotta. All. Boscaglia

Virtus Lanciano – Aridità; Amenta, Aquilanti, Mammarella, Massoni, Volpe, Vastola, D’Aversa, Sarno (25’ s.t. Capece), Pavoletti, Turchi (20’ s.t. Margarita). A disposizione: Amabile, Rosania, Paghera, Chiricò, Zeytulaev. All. Gautieri

Reti – 2’ pt. Gambino (T), 28‘pt. Pavoletti (VL), 21‘st. Sarno (VL), 38‘st Margarita (VL)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *