A Quadri si presenta la nuova Legge regionale per la raccolta, la commercializzazione, la tutela e la valorizzazione dei tartufi

L’Abruzzo fa parte di quelle regioni italiane in cui la raccolta, la commercializzazione, la tutela e la valorizzazione dei tartufi si sono ritagliate una voce importante nell’economia. Tanto che oggi le istituzioni sono chiamate a rivedere l’attuale normativa e renderla più competitiva. Se ne parlerà in un incontro pubblico a Quadri, una delle più importanti realtà abruzzesi, incontro durante il quale sarà presentata la nuova Legge regionale. Si tratta di un appuntamento, organizzato dalla Direzione Politiche agricole della Regione Abruzzo, che si terrà giovedì, 21 giugno, nella Sala convegni di Piazza del Popolo, alle ore 18. Quello legato ai tartufi, con il coinvolgimento di numerosi attori (coltivatori, raccoglitori, trasformatori, ristoratori, ecc.) è un settore che riveste un ruolo molto importante nell’ambito delle produzioni tipiche regionali. La crescita esponenziale negli ultimi 20 anni, infatti, ha fatto emergere l’esigenza di rivedere la normativa regionale tenendo conto dell’evoluzione del settore attraverso l’integrazione del quadro normativo vigente, con i punti di forza della legge attuale, in armonia con i principi previsti dalla Legge 752 nazionale. All’incontro pubblico di Quadri interverranno Mauro Febbo, assessore alle Politiche agricole, Franco La Civita, dirigente Servizio Foreste, Gabriele De Laurentiis, funzionario della Direzione Agricoltura e Maurizio Bucci, commercialista ed esperto fiscale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *