Vasto, omicidio Bureikaite: Pepe condannato a 16 anni

Condanna a 16 anni di reclusione. Questa la sentenza pronunciata qualche minuto fa nei confronti di Matteo Pepe, 44 anni, nell’udienza con rito abbreviato non condizionato che si è svolta al palazzo di giustizia di Vasto. L’imprenditore edile di Motta Montecorvino, in provincia di Foggia, ma residente a Vasto,  è stato riconosciuto colpevole di omicidio volontario nei confronti di Neila Bureikaite, lituana di 24 anni. L’omicidio era avvenuto il 15 ottobre del 2011 nell’appartamento di via Pertini. Il pm, Medori aveva chiesto una condanna a 14 anni di reclusione con l’aggravante dell’omicidio perché commesso nei confronti della convivente. Pepe è stato assistito dagli avvocati Pasquale Morelli e Giampaolo Di Marco. Oltre alla condanna penale, l’imprenditore dovrà risarcire la parte civile, che si è costituita in giudizio, per 200 mila euro.

La condanna nei confronti di Pepe, unico indiziato, è stata pronunciata dal giudice del Tribunale di Vasto Stefania Izzi. Il processo con rito abbreviato si è svolto in base agli atti d’indagine dai quali sarebbero emersi particolari che spiegherebbero l’efferato assassinio della bella Neila. Una storia d’amore passionale in cui hanno pesatoalcuni tradimenti che avevano incrinato il rapporto. Le discussioni tra i due si erano fatte sempre più frequenti, veri e propri litigi. Come l’ultimo, la notte del 15 ottobre. Matteo e Neila erano stati a cena fuori, erano rincasati,e lei aveva bevuto nel corso della notte. Sembrava dovesse essere una serata tranquilla, invece spuntano fuori vecchie storie e la notte diventa lunga, piena di tensioni. Fino a quando non sfocia in tragedia. Matteo, stanco delle offese, lascia la sua campagna sdraiata a letto, raggiunge la cucina, arma la sua mano con un coltello, torna nella stanza. Inaspettatamente si trova davanti Neila, che lo stava per raggiungere e la colpisce. Alle 8 del mattino l’uomo chiama il 118 e insieme ai soccorsi giunge in via Pertini la polizia, che fa la scoperta dell’assassinio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *