Le farmacie abruzzesi domani chiuse per protestare contro la spending review

Le 478 farmacie abruzzesi domani resteranno chiuse per l’adesione alla protesta nazionale contro la spending review. I farmacisti dicono no alle misure che aggraveranno una situazione economica già fortemente compromessa a seguito dei continui tagli operati negli ultimi anni. 

“I tagli imposti dal Governo porteranno alla riduzione del livello di assistenza farmaceutica assicurato al cittadino – dice Giancarlo Visini, presidente Federfarma Abruzzo – senza contare la perdita di posti di lavoro. Non vogliamo sottrarci ai sacrifici, ma chiediamo interventi sostenibili per continuare ad assicurare un servizio di qualità. Le farmacie hanno dato un contributo enorme al contenimento della spesa farmaceutica”. Incalza Visini: “Già oggi il margine sui medicinali consegnati in regime di servizio sanitario nazionale e’ ridotto ai minimi termini. Con i nuovi tagli si azzererebbe del tutto e la consegna dei farmaci avverrebbe in perdita. Il Governo colpisce un settore virtuoso e trasparente: la farmaceutica territoriale e’ l’unico titolo di spesa sanitaria che rispetta ogni anno il tetto prefissato. Dovrebbe essere considerata un ramo virtuoso della spesa pubblica, al contrario della spesa farmaceutica ospedaliera che ogni anno supera il tetto previsto. Questa non è spending review, è solo un trucco per nascondere sprechi e penalizzare sempre i soliti – cittadini e farmacie – costretti a pagare”. 

Oggi pomeriggio intanto la Federazione incontrerà il ministro. 

Domani le farmacie resteranno chiuse e la chiusura – annuncia Federfarma – sarà soltanto la prima di una serie di iniziative di protesta. Sono gia’ in calendario altre due giornate di sciopero a settembre e tre a ottobre. “Vorremmo disdire la convenzione, nel frattempo stiamo mettendo a punto altre forme di protesta”, conclude Visini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *