11 su 13 punti di campionamento sono risultati fuori legge. Oltre il 46% degli abruzzesi ancora non è servito da un sistema di copertura efficiente

Nove punti campionati tra le province di Pescara, Teramo e Chieti sono risultati “fortemente inquinati” ed altri due “inquinati”. E’ la fotografia scattata con il monitoraggio dei biologi di Goletta Verde di Legambiente, che lungo tutta la costa abruzzese hanno evidenziano delle consistenti falle nel sistema depurativo regionale, attualmente ancora lontano da garantire un’adeguata copertura del servizio per tutti i cittadini, con tutti i rischi ambientali e sanitari che ne conseguono.  

L’istantanea regionale che si evince dai risultati delle analisi dell’equipe di biologi di Legambiente è stata presentata questa mattina in conferenza stampa a Pescara, presso la sede di Legambiente Abruzzo da Stefano Ciafani, Vice Presidente nazionale di Legambiente, Antonio Sangiuliano, Direttore Legambiente Abruzzo e Giovanni Damiani, Direttore ARTA Abruzzo.

Passando al setaccio foci di fiumi e torrenti, ma anche spiagge segnalate dai cittadini attraverso il servizio SOS Goletta, senza per questo volersi sostituire al ruolo dell’Agenzia Regionale Protezione Ambiente preposta per legge ai controlli per la balneabilità, i biologi di Legambiente comunque hanno rilevato la presenza di situazioni critiche diffuse su tutto territorio regionale, segnalate agli enti locali proprio per risalire alle fonti di inquinamento da rimuovere.

A partire dalla città di Pescara, dove sono stati prelevati tre campioni, due dei quali risultati fortemente inquinati. La prima delle tre analisi è stata svolta in Viale P. Vere, presso il Fosso Vallelunga, nelle vicinanze della spiaggia libera, dove è stato riscontrato forte odore di fognatura e la presenza di schiume sull’acqua che è stata classificata fortemente inquinata; la seconda analisi, ha avuto luogo in località Lungomare Matteotti incrocio via Balilla, presso la spiaggia all’altezza del numero civico 48, anche qui il campionamento ha evidenziato un carico batterico molto elevato, tale da ritenersi fortemente inquinato,  il luogo, che paga le conseguenze della vicinanza della diga foranea  e dei suoi reflussi, al momento del passaggio dei tecnici di Legambiente era frequentato da molti bagnanti e da numerosi ragazzini delle colonie estive. Proprio a largo della Diga foranea, sul Lungomare Matteotti, è stato realizzato il terzo prelievo, qui, a circa 400 metri dalla linea di battigia, le acque sono risultate inquinate.  

Nella provincia di Chieti sono stati evidenziati quattro punti critici, dei quali tre sono stati classificati fortemente inquinati ed uno inquinato. Nel comune di Vasto, in località Vasto Marina, il campione, analizzato presso il Fosso Marino è stato prelevato all’interno del canale in cui è presente una forte risalita di acqua proveniente dal mare. Si riporta che nel sito, fino all’anno scorso era presente il divieto di balneazione, mentre quest’anno la zona è stata dichiarata balneabile, secondo quanto emerso dall’analisi della Goletta Verde le acque sono fortemente inquinate. Alti valori batteriologici anche nel comune di Torino Di Sangro, dove, in località Lago Dragoni, presso il Fosso del Diavolo i prelievi svolti evidenziano acque fortemente inquinate. Al momento del campionamento, erano presenti  numerosi rifiuti presenti sia all’interno del fosso che sulla spiaggia. Nel comune di Rocca San Giovanni, sono state indagate le acque della spiaggia accanto al fosso Valle Grande in località  La Foce, catalogate come inquinate. Sempre in provincia di Chieti, nel comune di Francavilla al Mare, in località Foro via Tosti, il prelievo effettuato presso il Fosso San Lorenzo, dove le acque sfociano a mare in un tratto di spiaggia libera abitualmente frequentata da bagnanti, ha rilevato che le acque sono fortemente inquinate. Al passaggio dei tecnici, dal canale provenivano odori di fognatura e la zona appariva particolarmente degradata anche per la vicinanza di una sosta camper utilizzata come discarica. 

Passando alla provincia di Teramo, la situazione non migliora, in questo tratto di costa infatti, sono stati individuati cinque punti con valori batteriologi superiori alla norma di Legge, di cui, quattro fortemente inquinati ed uno inquinato. Nel comune di Silvi, in località Silvi Marina, l’esame compiuto sulla spiaggia alla foce del fiume Cerrano, ha riportato che le acque sono fortemente inquinate, a tutto danno dell’area marina protetta di Torre Cerrano all’interno della quale ricade il punto di prelievo. Ancora guai nel comune di Pineto, presso la foce del torrente Calvano, e nel comune di Giulianova, in località Giulianova lido, dove il campionamento è stato eseguito presso il maleodorante Fosso su lungomare Zara, anche qui le acque sono state classificate come fortemente inquinate. In cattive acque anche la Foce Vibrata, che insiste nel comune di Martinsicuro, attorniata da scarichi e rifiuti, è risultata fortemente inquinata.

Lungo la costa abruzzese sono state controllate anche alcune spiagge che sono state segnalate dai cittadini come punti critici ma che hanno registrato livelli di inquinamento batterico entro i limiti di legge: in provincia di Chieti, nel comune di Ortona, in località Lido Riccio, presso il Fosso del Riccio ed in provincia di Teramo, nel comune di Roseto degli Abruzzi, sulla spiaggia in corrispondenza della foce torrente Borsacchio. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *