Costa abruzzese colpita da inattesa burrasca di vento. Villeggianti in fuga dalle spiagge

Una inattesa quanto violenta tormba d’aria si è abbattuta nel pomeriggio di oggi lungo la costa abruzzese, cogliendo di sorpresa i bagnanti. 

A Pescara, ombrelloni e gazebo sono volati sulla spiaggia, pattini e gommoni recuperati di corsa in mare dai bagnini mentre in tanti hanno lasciato velocemente la riviera. L’assessore Fiorilli ha riferito in una nota stampa che “fortunatamente non sono stati segnalati feriti ed è stata attivata da subito la macchina della Protezione civile per fronteggiare eventuali nubifragi, che potrebbero colpire il capoluogo adriatico in serata”. Le precauzioni sono rivolte soprattutto per garantire sicurezza  a quanti si recheranno allo stadio per la prima di campionato di serie A del Pescara contro l’Inter. 

Per tornare a quanto avvenuto nel pomeriggio, Fiorilli ha detto che “l’ondata di maltempo è arrivata in modo del tutto inatteso, senza alcun preavviso o allerta preventivo, neanche dalla Protezione civile. Si è alzato un forte vento sulla spiaggia, proveniente da nord-est, che in pochi secondi si è trasformato in una tromba d’aria travolgendo ogni cosa al suo passaggio. E’ scattata la macchina organizzativa delle concessioni balneari per chiudere tempestivamente gli ombrelloni e recuperare il materiale in mare, preoccupandosi anche di far uscire dall’acqua quanti si erano tuffati tra i cavalloni, e un aiuto ci è stato dato anche da Radio Mare che ha subito diffuso le notizie di massima allerta invitando tutti i bagnanti a uscire dall’acqua e lasciare la spiaggia, confermando l’utilità del servizio attuato dal Comune. Fortunatamente sinora, come confermato anche dai balneatori, non si sono registrati feriti sull’arenile, tranne l’inevitabile caos temporaneo per quanti si sono rimessi contemporaneamente in auto incolonnandosi sul lungomare per fare ritorno a casa. Problemi – ha ancora detto l’assessore Fiorilli – si sono avuti allo Stadio del Mare dove la tromba d’aria ha fatto volare in spiaggia i gazebo allestiti, mentre non si sono avuti problemi sul palco. Sul posto stanno già lavorando i nostri operai per ripristinare le strutture e nel frattempo abbiamo allertato la macchina della Protezione civile comunale, con Polizia municipale, volontari, addetti del servizio Manutenzione e della Attiva, macchina peraltro già in stato di mobilitazione per i servizi predisposti nel pomeriggio per la partita del Pescara. A questo punto attendiamo di capire come potrebbe evolvere l’ondata di maltempo e ci teniamo pronti a fronteggiare eventuali possibili nubifragi che già si sono abbattuti al centro-nord, con delle vere e bombe d’acqua”.

Stesse scene lungo la costa teramana e chietina con i bagnanti che hanno dovuto trovare riparo negli stabilimenti balneari o in luoghi di fortuna. Sulla statale adriatica 16 si sono formate lunghe file d’auto investite da un violento acquazzone. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *