Da Bulgaria, Inghilterra, Croazia, Germania e Romania alla Lecceta di Torino di Sangro per il Meeting Internazionale del Progetto ORA

36 giovani europei provenienti da: Bulgaria (Center for Sustainable Civil Society), Inghilterra (Groundwork), Croazia (Sabirni Centar), Germania (Roter Baum) e Romania (Agenda 21), coinvolti nel Progetto UE “O.R.A.: young people for sustainable, social and economic development”, promosso da ARCI Chieti, Comune di Fossacesia, Comune di Torino di Sangro, Coop. Terracoste e Riserva Naturale Regionale “Lecceta di Torino di Sangro”, sono ospiti della importante Riserva per prendere parte a tre workshop pratici su Educazione alla sostenibilità, Percorso Mountain Bike e Orti sociali, dove, i ragazzi svilupperanno strumenti utili per applicare i paradigmi della sostenibilità realizzando concretamente lavori che resteranno per la Comunità della Riserva.

“L’approccio internazionale è fondamentale – afferma Andrea Natale, Direttore della Lecceta di Torino di Sangro – serve a creare un orizzonte comune per uscire, insieme, dalla crisi attuale percorrendo la strada verso la conversione ecologica. Siamo partner attivi dei network europei ORA e AdriaPAN e questo ci da la possibilità di far conoscere la Riserva e Torino di Sangro in Europa, non solo in Abruzzo e in Italia – continua Natale – è il modo di lavorare che ci gratifica di più, serve a confrontarsi e crescere veramente, su basi concrete, e ci da la forza per superare le sterili polemiche di questi giorni, figlie di un modo di fare e relazionarsi con gli altri che non ci appartiene, perché non conduce a nulla”. 

A conclusione dei lavori dei tre Workshop, sabato 8 settembre, dalle ore 10, presso il Centro Visite della Riserva Naturale Lecceta di Torino di Sangro, in Contrada Saletti, SP 119, ci sarà il II Meeting Internazionale del Progetto ORA, “La Lecceta incontra l’Europa” durante il quale, oltre al confronto tra le buone prassi europee, in merito di sostenibilità, saranno inaugurati il nuovo percorso Mountain Bike, il Percorso sensoriale, l’Orto Sociale e verrà proiettato il video sulle bellezze della Lecceta e del suo territorio. 

“Da 15 anni realizziamo queste attività – precisa Lino Salvatorelli, Presidente dell’Arci Provinciale di Chieti – Nel passato erano progetti esplorativi, ora servono anche a far conoscere esempi di buona gestione delle nostre Aree Protette, come Punta Aderci a Vasto e la Lecceta di Torino di Sangro, teatro degli ultimi scambi culturali internazionali, permettendo ai partecipanti di applicare al massimo il concetto del learning by doing, ossia imparare facendo, concetto tanto caro alla Commissione Europea, in particolare per quanto riguarda i programmi giovanili. Speriamo che nel futuro, all’interno del Parco Nazionale della Costa Teatina, altri soggetti possano avere le stesse opportunità progettuali”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *