Sorrisi e sogni al Faro

Il salotto culturale nei pressi del Faro dell’architetto Aldo Rossi in Lanciano ha accolto nel secondo giorno delle feste lancianesi di settembre la Compagnia Teatrale “Il Monello” di Maurizio di Marco con i suoi compagni di scena Annalisa di Leandro e Saverio Carinci. Maurizio di Marco è nato a Lanciano nel 1983, innamorato del teatro, si è formato al Florian Espace di Pescara e nella stessa città ha studiato presso l’Accademia Flaiano frequentando un corso di doppiaggio e approfondendo anche il senso della narrazione. Ha studiato inoltre presso il laboratorio Zelig e con Danilo Volponi, tra i grandi incontri quello con Giorgio Albertazzi. Nel 2001 ha fondato la sua Compagnia Teatrale “Il Monello” ed è appunto con parte del suo gruppo che si è esibito nella sala vicina alla struttura del Faro. Il tema con il quale si è rivolto al pubblico è quello da lui privilegiato in quanto attore e cioè lo stile della Commedia dell’Arte influenzata dai canovacci giullareschi che vanno dal ‘200 al ‘500 e tra le righe un tipo di comicità moderna con frasi e idiomi dialettali abruzzesi-lancianesi. Il risultato è davvero divertente e non superficiale per i richiami ad un tipo di teatro che ha fatto storia. E’ stato veramente originale vedere gli attori in maschera da Pantalone, Colombina e Balanzone parlare anche con parole vicine geograficamente alla nostra zona frentana senza che l’atmosfera guitta e commediante potesse stridere e questo significa che tutto il mondo è paese. Il gruppo è riuscito a strappare parecchie risate e applausi da parte del pubblico che è stato anche coinvolto nelle improvvisazioni e giochi della scena giullaresca ma la serata non è finita qui. Spente le luci dell’ideale palcoscenico ne è rimasta una sola per proiettare sul muro le magiche ombre cinesi dell’illusionista Oscar Strizzi. Con le sue abili mani è riuscito a rendere atmosfere impalpabili fatte di animali e il loro mondo attraverso anche un buon sottofondo musicale, facendoci immergere in un delicato sogno notturno. 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *