Capannoni abbandonati con copertura in eternit sequestrati dalla Guardia di Finanza a Casoli

Un’area di circa 10.000 mq con una notevole quantità di materiale eternit utilizzata per la copertura di capannoni, in  stato di completo abbandono, con evidenti e gravi segni di rotture e lesioni dei pannelli-onduline depositati in maniera disordinata è stata posta sotto sequestro oggi dalla Sezione Aerea della Guardia di Finanza di Pescara e dai  finanzieri della Tenenza di Lanciano. Fondamentale per scorpirla il reparto aereo delle Fiamme gialle di Pescara, che ha monitorato il territorio nei pressi di Casoli. L’area, tra l’altro, è a pochi metri dal sito del fiume Aventino, nonché di piantagioni di uliveti e di vigneti.

I finanzieri hanno proceduto alla denuncia alla Procura della Repubblica di Lanciano del proprietario del sito sottoposto a sequestro, per violazione  alla normativa in materia di tutela ambientale,  con particolare riferimento alle disposizioni che regolano la cessazione dell’impiego di amianto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *