Riforma dello Statuto Regionale: meno consiglieri e assessori nella proposta di modifica

Andrà in aula nella seduta del prossimo 2 ottobre la proposta della Commissione Statuto, approvata questa mattina all’unanimità, contenente le modifiche allo Statuto della Regione Abruzzo con le quali di fatti si riducono numero degli assessori e consiglieri. Un testo sul quale si è dovuto lavorare fino all’ultimo mettendo alla fine insieme le due ipotesi di modifica a firma del Presidente del Consiglio Nazario Pagano e l’altra del consigliere del PdL Lorenzo Sospiri.

Il progetto di legge prevede la riduzione del numero dei membri dell’assemblea dagli attuali 45 a 31, e del numero degli assessori regionali, che passano da 10 a 6. Viene inoltre esteso anche agli atti della Giunta il controllo del Collegio dei revisori dei Conti, già operativo per i provvedimenti del Consiglio.

Rinviata alla prossima seduta della Commissione, invece, la proposta di istituzione del Garante dei Diritti e degli Interessi, che andrà a unificare le competenze oggi in capo al Difensore Civico e all’Osservatorio dei diritti. A favore delle modifiche allo Statuto hanno votato i Consiglieri del PdL Lorenzo Sospiri, Emiliano Di Matteo, Riccardo Chiavaroli, Tonino Prospero, il Capogruppo del PD Camillo D’Alessandro, i Consiglieri dell’IdV Cesare D’Alessandro e Lucrezio Paolini, il Capogruppo di Rifondazione Comunista Maurizio Acerbo, il Capogruppo dei Comunisti Italiani Antonio Saia, il Capogruppo di Api Gino Milano, il Capogruppo dell’Udc Tonino Menna e il Capogruppo dei Verdi Walter Caporale.

“Con queste modifiche – commenta il Presidente della Commissione Lorenzo Sospiri – depositate molto prima che esplodesse il ‘caso Lazio’, andremo a ridurre ulteriormente i costi di funzionamento del Consiglio regionale, portando il rapporto numerico tra Consiglieri e abitanti a uno a quarantamila. Credo sia un buon risultato, per il quale mi corre l’obbligo di ringraziare pubblicamente tutti i componenti della Commissione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *