Rapina con pistola a tabaccheria di Avezzano. A Pescara fermate due rom per tentato furto in appartamento

Rapina a mano armata oggi in una tabaccheria di Avezzano. Un uomo, sotto la minaccia della pistola, puntata verso la madre del proprietario, si è fatto consegnare l’incasso, circa 4000 euro. Poi è fuggito a bordo di un auto dove lo attendeva un complice. 

Dopo aver tentato un furto in appartamento si sono dileguate ma i carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile le hanno bloccate. E’ accaduto ieri a Pescara a due giovanissime rom, di cui una 18enne e l’altra minorenne, che sono state arrestate in flagranza per il reato di tentato furto in abitazione. Mentre stavano cercando di entrare in una casa di via Alessandro Volta il proprietario, che era all’interno, ha sentito dei rumori per cui ha contattato il 112 e ha aperto la porta mettendo in fuga le due. Dopo un breve inseguimento le rom sono state fermate dai militari dell’Arma, coordinati dal capitano Claudio Scarponi, e trovate in possesso di alcune schede telefoniche che, verosimilmente, venivano utilizzate per far scattare la serratura dei portoncini blindati delle case da svaligiare. La minorenne e’ stata condotta al Centro di prima accoglienza dell’Aquila. Entrambe erano già note alle forze dell’ordine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *