Pd e IdV in Provincia di Chieti chiedono maggiori attenzioni per i porti di Vasto e Ortona perché siano pronti alle sfide europee

Totale condivisione al progetto teso a rafforzare gli scambi culturali, sociali ed economici tra le due sponde dell’Adriatico e per il quale, nei giorni scorsi, a Brektovic, una delegazione ufficiale della provincia di Chieti, guidata dall’assessore al Turismo e Cultura Remo Di Martino, è stata in Croazia per la firma ufficiale della lettera d’intenti, ma al primo posto va messa la necessità che i porti di Ortona e Vasto facciano concreta sinergia nel ricreare collegamenti tra l’Abruzzo e la Croazia, più che mai necessario per dare prospettive di ulteriore crescita e sviluppo ai territori della regione e per poter avere accesso ai prossimi fondi strutturali dell’Unione Europea 2014/2020, che  andranno a finanziare la strutturazione di ambiti territoriali molto ampi come la macroregione Jonica – Adriatica, che interesserà ampi spazi del’ex Jugoslavia.

E’ quanto chiedono Camillo D’Amico, capogruppo P.D., e Michelino Natale, consigliere provinciale I.d.V. in Provincia di  Chieti, anche loro nella delegazione che è stata in Croazia. 

“Affermiamo con forza la nostra convinzione che i porti di Vasto ed Ortona debbono entrambi far parte di questa scommessa attraverso una loro solerte infrastrastrutturazione allo scopo, avendo a mente che, la prima, deve puntare ad ottimizzare i servizi alle aree industriali della Val di Sangro, San Salvo e Termoli mentre, la seconda, per  essere maggiormente efficiente nei trasporti commerciali e passeggeri. Al presidente della Provincia chiediamo di fare propri questi principi e di attivarsi in ogni sede per affermare queste priorità sia accelerare le procedure di finanziamento degli investimenti che tendere a definire accordi vincolanti per tutti che serviranno a superare gli inutili e dannosi campanili e evitare di prendere del tempo prezioso”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *