Arriva la Fornero a L’Aquila e il Prefetto vieta manifestazione di protesta dei sindacati di polizia

S’erano già preparati per dar vita a una manifestazione di protesta per richiamare l’attenzione del ministro sui problemi della categoria. Invece, a pochissime ore dalla visita della titolare del dicastero del Lavoro, Elsa Fornero, arriva lo stop del Questore della Provincia dell’Aquila, Stefano Cecere, che ha vietato di manifestare il dissenso degli uomini e delle donne in divisa. Dunque, niente schieramento di sagome di poliziotti pugnalati alle spalle ad accogliere il ministro che nel pomeriggio sarà nella città capoluogo per aprire la convention nazionale sul Volontariato.

“La legittima protesta dei Sindacati di Polizia COISP – SIAP – Silp Cgil e dei Vigili del Fuoco del CONAPO – scrivono i sindacati in una nota congiunta – è stata negata dal Questore, che ha incredibilmente vietato di manifestare il dissenso. Sarebbe stata l’occasione per confronto con la Fornero la quale sta predisponendo un ‘decreto’ in cui innalzerà l’età pensionabile degli uomini e donne che indossano una divisa e che sono chiamati ogni giorno a garantire la sicurezza dei cittadini”.

I sindacati COISP – SILP – SIAP e CONAPO esprimono “forti perplessità sull’opportunità adottata dal Questore di vietare una manifestazione pacifica, in quanto la ‘prescrizione’ a stazionare lontano dall’ingresso dove il Ministro entrerà nella scuola della Finanza è di fatto un divieto a far sentire, a chi ci governa, le voci di democratico dissenso sugli atti dell’esecutivo. Solo il senso di responsabilità e di rispetto per i numerosi colleghi che sono stati posti di servizio per garantire l’ordine e la sicurezza in quei luoghi ci fanno desistere dall’iniziativa annunciata, sottolineando però che, come al solito, si preferisce compiacere il politico di turno a scapito del ‘diritto’ previsto dalla Costituzione a manifestare liberamente e pacificamente le proprie idee. Rimane il fatto che la volontà della Fornero di ‘prevedere un innalzamento dell’età pensionabile delle Forze dell’Ordine’ pregiudica fortemente l’efficienza ed efficacia dei servizi oltre che l’incolumità del personale. Se il Ministro ed i sui colleghi sono convinti del contrario, dovrebbero chiedere con forza che le loro scorte siano composte esclusivamente da personale sessantenne. Solo così – concludono i sindacati – potranno convincere le migliaia di uomini e donne che indossano una ‘divisa’ della bontà delle loro proposte”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *