L’IdV: “La Frentania sta diventando una camera a gas”

Ad Ortona sono già in funzione due centrali “a biomasse” (o impianti simili per capacità di inquinamento) ed una fabbrica di materiali bituminosi (che la magistratura ha già chiuso temporaneamente per inquinamento). Un’altra centrale è in funzione a Treglio; una in Valdisangro, in accoppiata ad un inceneritore di materiali pericolosi. Un’ulteriore centrale, oltre quella già in funzione nel Sansificio, è prossima a funzionare in Lanciano (località Villa Pasquini). A Santa Maria Imbaro se ne vuole autorizzare una nona. Cosa hanno in mente i sindaci di questi paesi? Hanno capito quello che sta succedendo? – domandano Michele Marino, coordinatore cittadino, Romeo Pasquarelli, vicecoordinatore cittadino IdV -. Certo, ognuno di loro ha paura per il proprio portafoglio: un’ordinanza contro i proprietari delle centrali li espone economicamente in prima persona. Ma oltre alla paura per i propri soldi, questi sindaci hanno in mente un qualche intervento di contrasto a questa aggressione alle nostre vite? I cittadini residenti in questi paesi, ma anche quelli del circondario (in primis: Fossacesia, San Vito, Frisa, Rocca San Giovanni) sanno che questi politici hanno favorito l’allestimento di una camera a gas per noi ed i nostri figli? Quanti morti serviranno per attivarsi? Quanti bambini dovranno ammalarsi, quante lacrime dovranno essere versate prima di alzare la voce? Interpellati singolarmente i rappresentanti delle istituzioni di ogni paese coinvolto diranno che sono stati obbligati a rispettare la legge. Anche i nazisti nei campi di concentramento rispettavano la legge del tempo. Io non voglio che mio figlio sia ucciso da questi amministratori ignari, pavidi, insensibili. Il direttivo cittadino dell’Italia dei valori ha deciso di convocare in un dibattito pubblico tutti i sindaci del territorio per discutere della drammatica situazione che si è venuta a cerare. A chi legge, singolo o rappresentante di partito o di associazione o di istituzione, chiediamo di sottoscrivere l’invito al dibattito pubblico che vorremmo organizzare con i sindaci per la metà di novembre. Per farlo basta aderire al gruppo facebook: Frentania-camera-a-gas”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *