La Regione vota la soppressione delle Province

Il Consiglio regionale abruzzese ha deliberato questa sera di non sottoporre al Governo alcuna proposta di riordino delle Province, ritenendo la completa soppressione di questi enti “la soluzione più idonea al perseguimento delle finalità di riduzione dei costi della politica e rispondente alle aspettative di riorganizzazione e semplificazione del sistema Paese”. 

Il provvedimento approvato, che porta la firma di Carlo Costantini (Idv), Lanfranco Venturoni (Pdl) e Gino Milano (Api), prevede anche di “invitare il Governo a predisporre e presentare alle Camere, con la massima urgenza, un progetto di legge costituzionale contenente le necessarie modifiche agli articoli  della Costituzione, per una completa soppressione delle Province”.

Infine il documento dà mandato al Presidente della Giunta regionale ad “impugnare dinanzi alla Corte Costituzionale qualsiasi ipotesi di accorpamento dovesse essere decisa dal Governo”. 

Al voto non ha partecipato il gruppo consiliare del Pd, che ha abbandonato l’aula per protesta accusando la maggioranza di “non decidere”. Erano state formalizzate altre proposte, votate e respinte dal Consiglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *