Il cinema come mezzo di promozione delle bellezze dell’Abruzzo

Cosa c’è di meglio di una macchina da ripresa cinematografica per promuovere un territorio? E’ la domanda di fronte alla quale Pierluigi Di Lallo, attore, si è trovato di fronte qualche anno fa. D’altro canto lui, che è nato a Rocca San Giovanni, trapiantato a Roma per lavoro, le bellezze da promuovere le aveva sotto gli occhi. Dal suo paese d’origine ci si affaccia su uno degli angoli più suggestivi della Costa dei Trabocchi, un vantaggio di non poco conto per dare risposta all’interrogativo che gli gironzolava per la testa.

Uno spettacolo della natura che ha accresciuto il suo desiderio di contribuire alla conoscenza, su vasta scala, di quella e di altre meraviglie d’Abruzzo. Quale mezzo migliore di promozione se non il cinema, quindi? Un film con attori di cartello, da girare proprio nella sua regione. I primi passi con i distributori, i contatti con alcuni registi e quel che sembrava dovesse restare un sogno nel cassetto è diventato pian piano realtà. Non senza fatica, ovviamente. Superare qualche diffidenza verso i suoi progetti non è stato facile, ma c’è l’ha fatta, bussando alle porte giuste. E di film ne sono arrivati due. Stasera, su Premium di Mediaset, andrà in onda ‘Una Notte da Paura’, realizzato nel giugno dello scorso anno tra Lanciano, Crecchio e Ortona. Nel cast ci sono Francesco Pannofino, Leonardo Manera, Maurizio Mattioli e altri, nonché alcuni volti locali, che si sono cimentati come comparse.

A febbraio, invece, nelle sale cinematografiche sarà proiettato ‘Niente può fermarci’, prodotto dalla Angelika Vision, distribuito da Rai Cinema e girato tra Abruzzo, Marche e nell’isola spagnola di Ibiza. Cast d’eccezione per questa pellicola, che ha avuto nel Castello di Semivicoli, a Casacanditella, una delle sue location. La porta giusta alla quale bussare stavolta è stata quella di Marina Cvetic Masciarelli, imprenditrice vitivinicola di fama internazionale, “un’amica preziosa, che è da sempre particolarmente sensibile a tutto ciò che può riuscire a pubblicizzare l’Abruzzo – dice di lei Di Lallo.

Il Castello della famiglia Masciarelli, per l’occasione, ha aperto le sue porte a Gerard Depardieu, Gianmarco Tognazzi, Serena Autieri, Massimo Ghini, Carolina Crescentini e lo stesso Di Lallo, che interpreta il professor Gaudiosa  

“La soddisfazione per me è immensa sia sotto l’aspetto professionale, che personale – spiega l’attore frentano -. Sono riuscito a far innamorare della mia terra in tanti. Come Claudio Zamarion, persona speciale e un grande amico, con il quale stiamo già lavorando su altri progetti”.

Come quello che Pierluigi lanciò qualche tempo fa per utilizzare alcuni padiglioni di LancianoFiera come studios. Un’idea raccolta dall’amministrazione comunale frentana e in particolare dal sindaco Mario Pupillo, che conosce bene il mondo del teatro e ha intuito la bontà dell’iniziativa.

“Non mi fermo certo qui – annuncia Di Lallo -. Vorrei poter realizzare una scuola di teatro proprio a Lanciano, probabilmente in collaborazione con Carmine e Stefano Angelucci Marino, ben impegnati su questo filone. Sarebbe importante per una realtà come questa che si contraddistingue da sempre come città di cultura”.

Prima però, un nuovo spettacolo da proporre, appena ci sarà l’occasione, al Fedele Fenaroli, un teatro caro a Di Lallo e nel quale ha incontrato spessissimo l’affetto di un vasto pubblico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *