In casa coltivava marijuana; scoperto dai carabinieri

Una piccola serra allestita nell’armadio della sua camera da letto. E’ questo il sistema messo in piedi, da un giovane di 19 anni di Francavilla al Mare, per coltivare tre piantine di marijuana. A scoprirlo sono stati i Carabinieri, che ieri hanno bussato alla sua porta mettendo fine, sul nascere, alla “nuova” attività. I militari della Stazione di Francavilla, che da tempo conoscevano il giovane, hanno recuperato anche una lampada a luce soffusa ed un ventilatore, che il ragazzo, aveva sistemato opportunamente all’interno dell’armadio, per garantire alle sue “piantine” le condizioni ambientali ideali per la crescita. Il giovane è stato denunciato in stato di libertà con l’accusa di detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Le piantine, dell’altezza di 15 centimetri l’una, sono state poste sotto sequestro.

Un 32enne di Villamagna è stato denunciato dai carabinieri della Stazione di Casacanditella con l’accusa di furto aggravato. L’uomo, ieri, all’ora di pranzo, è stato bloccato dai militari dopo che aveva rubato le offerte dei fedeli all’interno della chiesa di “San Martino”, a San Martino sulla Marruccina. Ad avvisare gli uomini dell’Arma è stato un fedele che, insospettito dall’atteggiamento “guardingo” dell’uomo che entrava in chiesa, ha pensato bene di chiamare i Carabinieri della Stazione di Casacanditella. Fermato dagli uomini dell’Arma all’uscita della chiesa, il ladro è stato trovato in possesso di una decina di euro che aveva rubato forzando la cassetta delle offerte.  

Un polacco di 47 anni, che la scorsa sera ha rubato dei cosmetici nel centro commerciale IPERCOOP di San Giovanni Teatino, è stato denunciato dai Carabinieri della Stazione di Sambuceto. L’uomo è stato fermato dal personale addetto alla vigilanza, mentre cercava di allontanarsi con la merce del valore di circa 250 euro. Consegnato ai Carabinieri, intervenuti sul posto, al prevenuto è stata sequestrata anche un tronchesina nascosta in una tasca della giacca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *