Caso Chieti: sostegno del presidente del gruppo del PD a Palazzo Madama, Anna Finocchiaro

La senatrice Anna Finocchiaro, presidente del gruppo del Partito democratico a Palazzo Madama, ha annunciato il pieno sostegno dei senatori Pd al caso Chieti. 

Lo comunicano i capigruppo del Pd al Comune di Chieti, Alessio Di Iorio, ed alla Provincia Camillo D’Amico. «Abbiamo consegnato alla presidente Finocchiaro il nostro documento, nel quale rivendichiamo il diritto della nostra città a mantenere il ruolo di capoluogo – spiegano Di Iorio e D’Amico – assieme al documento del “Comitato per la Difesa di Chieti e della sua Provincia”, e la presidente ci ha garantito il pieno sostegno alla nostra causa, che d’altronde già conosceva bene in quanto è uno dei casi presi in considerazione con maggiore attenzione. Chieti d’altronde ha i requisiti di capoluogo e quindi il diritto a non perdere questo status. Per questa ragione – annunciano i capigruppo Pd – nei prossimi giorni andremo anche dal capogruppo del Pd alla Camera dei deputati Dario Franceschini. A tutti stiamo chiedendo anche un ripensamento sul sistema elettorale oggi previsto per le nuove province, su cui pende un giudizio di merito presso la Corte Costituzionale, perché dovrà essere ai cittadini il compito di definirne chi è preposto alla guida ed al governo non certo dei nominati. Il Pd è mobilitato dunque ad ogni livello amministrativo ed istituzionale per  difendere le ragioni della nostra città e del suo territorio che non può subire altre privazioni e dimenticanze; ora ci aspettiamo che anche gli altri partiti, a iniziare dal Pdl che ha pesanti responsabilità dirette in questa vicenda, si assumano lo stesso onere e si muovano, non solo a chiacchiere, a difesa di Chieti e della sua provincia. Ci appelliamo alla città ed all’intero territorio affinché non abbassino la guardia e non si rassegnino perché ci sono le possibilità di vincere questa battaglia. Venerdì prossimo invitiamo ad una  partecipazione  in massa alla fiaccolata promossa dal Comitato e che partirà da Chieti Alta fino allo Scalo».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *