Teramo, tocca ai falchi liberare il centro cittadino dagli stormi

Voleranno i falchi sul cielo di Teramo e avranno il compito di spaventare e allontanare dal centro cittadino gli stormo. E’ il rimedio al quale ha fatto ricorso il servizio Caccia, Pesca e Micologia della Provincia, un intervento di “bird control”, con rapaci appositamente addestrati, che avrà inizio lunedì prossimo, 26 novembre, e si protrarrà per tutto il mese di dicembre per allontanare gli assembramenti dei numerosissimi esemplari di storno europeo (Sturnus vulgaris). Il fenomeno è generato dal fatto che gli storni in ambiente urbano trovano sicurezza dai predatori, qui praticamente assenti, e maggiore tepore termico. In particolare, gli animali affluiscono dalle contrade limitrofe al centro cittadino in orario pomeridiano, per poi pernottare sugli alberi dei parchi pubblici.

I siti maggiormente interessati sono quelli del Viale dei Tigli, del parco della sede centrale della Provincia in Via Milli e del parco dell’Istituto Regina Margherita, che ha inoltrato alla Provincia richiesta di intervento.

I disagi provocati da questa presenza massiva di storni si configurano principalmente nello strato di guano prodotto durante la notte, che rende particolarmente viscido il suolo, nel fastidioso rumore e nel rischio di malattie contagiose per l’uomo o zoonosi (Clamidiosi, Salmonellosi, Campilobacteriosi, Yersiniosi e Micosi).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *