Dirigenti della Asl2 premiati ma non si sa di quanto. Intanto continua la battaglia contro i tagli agli ospedali Lanciano e Vasto

La Asl Lanciano-Vasto-Chieti premia alcuni suoi dirigenti ma sulla consistenza dello stesso e sul perché non è dato sapere. Infatti, sull’Albo Pretorio dell’azienda, che pure dovrebbe essere ‘trasparente’ e riportare persino a quale legale è stato affidato l’incarico di curare le controversie alle quali l’azienda è chiamata a far fronte, riporta spesso il logo della Asl ma non il contenuto di pubblicazioni che dovrebbero essere, appunto, consultabili.

Intanto, a Lanciano tiene ancora banco la notizia di ulteriori e drastici tagli alla sanità frentana e per quella vastese. Sul piede di guerra resta il vice sindaco della città, Pino Valente. “Si tratta di decisioni davvero raccapriccianti in un momento, quello che stiamo vivendo, già fortemente segnato da precedenti scelte sciagurate, che hanno creato una situazione di emergenza a dir poco insostenibile. Questo piano sancisce definitivamente che in Abruzzo vi sono cittadini di serie A e cittadini di serie B, quattro ospedali presenti nei capoluoghi di provincia che assorbono tutte le risorse e tutti gli altri che non hanno più diritto ad una assisenza sanitaria degna di questo nome”.

Il rischio del dimezzamento dei reparti per il nosocomio frentano, ma anche per quello di Vasto, come previsto dal regolamento sulla “definizione degli standard qualitativi, strutturali, tecnologici e quantitativi relativi all’assistenza ospedaliera” inviato dal ministero, significherebbe entrare in una strada senza vie d’uscita. La legge di riordino della rete ospedaliera deve ancora essere recepita dalla Regione – dice ancora Valente – ora quelli che si riempivano la bocca solo di false rassicurazioni devono fare i conti con la triste realtà, una realtà che noi, con una vera e propria operazione verità, avevamo rappresentato da tempo. Ci aspettiamo una mobilitazione collettiva da parte anche dei rappresentanti regionali che fino ad oggi hanno sottovalutato il problema. Anche in questo fine settimana, con Progetto Lanciano, continueremo la raccolta firme a difesa del Renzetti, più di mille adesioni sino ad ora, con l’obiettivo delle 1.500 firme a portata di mano, posizionandoci, questa mattina dalle 9.30 alle 12.30, con un banchetto proprio nei pressi della struttura sanitaria, e poi ancora, sempre in questo fine settimana, lungo c.so Trento e Trieste. Invitiamo i nostri concittadini a continuare questa forte partecipazione, per scongiurare una nuova mortificazione nei confronti dell’Ospedale di Lanciano, quindi, dell’intera comunità frentana. Siamo pronti alla mobilitazione del popolo frentano. Per troppo tempo – conclude Valente – la politica dell’immobilismo, quella chiusa nelle stanze di palazzo, ha deciso le sorti della collettività senza mai risponderne. E’ ora di dire basta!; basta ai soprusi, basta alle bugie, basta al vecchio modo di fare politica che ci ha portato sull’orlo del baratro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *