Omicidio Cagneta: richiesta di giudizio immediato per Angelo Ciarelli

Richiesta di giudizio immediato per Angelo Ciarelli, 39 anni, il nomade arrestato a luglio dalla squadra mobile di Pescara per l’omicidio di Tommaso Cagnetta, il pregiudicato di 42 anni morto a seguito in una sparatoria nel cortile del cosiddetto “ferro di cavallo”, in via Tavo, a Pescara, per questioni di droga. 

La richiesta è stata firmata oggi dal sostituto procuratore Valentina D’Agostino. 

Il gip Maria Carla Sacco dovrà decidere se ammettere la richiesta. A carico di Ciarelli sarebbero emersi una serie di elementi, sia subito dopo il fatto che successivamente. Ad incastrarlo non solo le testimonianze contro di lui ma anche le impronte trovate su un’auto, i 13 proiettili trovati dalla polizia in un tombino vicino la sua abitazione, e degli elementi scientifici emersi più di recente. Il medico legale e il perito balistico hanno stabilito che il proiettile che ha raggiunto Cagnetta non è stato di rimbalzo ma diretto. Inoltre l’ogiva recuperata era compatibile con i proiettili nascosti nel tombino. E poi l’esito dello stub eseguito dalla Scientifica sui vestiti di Ciarelli è stato parzialmente positivo. Al nomade sono stati contestati i reati di omicidio volontario e porto abusivo di arma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *