Rapine a Chieti e Pescara. Polizia e carabinieri al lavoro per catturare i responsabili

Armati di coltello e compiono una rapina nella gioielleria Tiffany di via Marino da Caramanico, a Chieti Scalo. Sotto la minaccia delle armi si sono fatti consegnare dal titolare, un uomo di 50 anni, del denaro contante ancora da quantificare. Il proprietario della gioielleria ha provato ad opporre resistenza e, nella circostanza, è stato aggredito, riportando lievi ferite da taglio alla gamba ed al fianco destro. Sono in corso le indagini dei Carabinieri.

Un altro colpo, che ha fruttato circa duemila euro è avvenuto a Pescara, nell’ufficio postale di via Carducci. Due malviventi, di età compresa tra i 25 ed i 30 anni, con accento locale, si sono introdotti dall’entrata principale, con il viso coperto da sciarpa e scalda collo ed utilizzando una tavola di legno, hanno minacciato i dipendenti di farsi consegnare il denaro, raccolto in una busta di plastica, per poi fuggire in direzione mare. Sul posto è intervenuto un equipaggio della Squadra Volante e personale della Polizia Scientifica. Indagini a cura della Squadra Mobile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *